Domenica, 17 Ottobre 2021
Politica

Interporto di Cerignola, Sgarro: "Caso inquietante, Giannatempo chiarisca in Consiglio”

Per il Partito Democratico si tratta di un caso "opaco", in merito al quale verrà presentata una interrogazione urgente in assise

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

“Se dovessero essere confermate le informazioni sull’azienda di Chivasso che parrebbe interessata all’acquisto dell’interporto di Cerignola, la vicenda acquisterebbe contorni piuttosto opachi”. Non ne ha dubbi il segretario PD di Cerignola, Tommaso Sgarro, convinto com’è che “si tratterebbe di un’azienda in procinto di chiudere. Tutti questo condizionali sono d’obbligo – precisa - perché da Palazzo di Città non trapela nulla e la vicenda è avvolta da una cortina piuttosto fumosa”.

“L’opacità della manovra mi è stata confermata dalla chiacchierata fatta stamattina al telefono con un giornalista di una locale testata della città torinese. Perché qualcuno dovrebbe acquistare un’azienda forte e in salute come pare fosse la VASAS di Chivasso, pare a una cifra piuttosto bassa, per poi decidere nel giro di pochi mesi di chiuderla e pensare di acquistare (non si capisce a che prezzo), praticamente un rudere come l’Interporto di Cerignola a 900KM di distanza?”

“È il momento di fare chiarezza senza se e senza ma, e di farlo in consiglio. Ci siamo persi già in troppe chiacchiere: è il momento giusto affinchè in Consiglio si parli di cose serie e si faccia luce su una vicenda cose che interessa l’intera collettività. Per questo – conclude - domani il PD si farà promotore in Consiglio Comunale di un’interrogazione urgente sul caso”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Interporto di Cerignola, Sgarro: "Caso inquietante, Giannatempo chiarisca in Consiglio”

FoggiaToday è in caricamento