San Marco, accordo operai Ambiente. Sel: “L’amministrazione non ha meriti”

Il segretario sammarchese di Sel si congratula per la riuscita della trattativa e punta il dito contro i ritardi e i disservizi provocati dal sindaco. E poi rilancia: “Dov’era il partito dei lavoratori diventato partito degli asserviti?”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO IL COMUNICATO STAMPA DI SEL DI SAN MARCO IN LAMIS

"Non possiamo che esser soddisfatti per l’accordo raggiunto tra la Tecnoservice e gli operai del settore ecologia. Ci preme sottolineare come ancora una volta vinca il diritto al lavoro e come il potere e la volontà di alcuni politici-politicanti sia stato schiacciato dalla forza dei lavoratori e da tutti coloro che, senza se e senza ma, hanno difeso a spada tratta gli operai. sel_con_vendola_1_original-2

Ci dispiace ricordare alla cittadinanza che l'amministrazione comunale non ha alcun merito, se non quello di aver tardato questa trattativa e aver lasciato il paese tra i rifiuti per alcuni giorni e quello di aver sollevato un conflitto sociale dai toni forti e offensivi, dai quali noi abbiamo preso le distanze, pur seguendo la vicenda da vicino e a stretto contatto con l’esponente del sindacato FP CGIL, Michele Corsino e quei lavoratori costretti persino a ricorrere alle “catene” pur di essere ascoltati e capiti".

Il segretario Luigi De Nisi dichiara: “Sono felice per come si è conclusa la vicenda, sia per i lavoratori che per la cittadinanza che in questi giorni ha subito l’annosa querelle in termini di gravi disservizi”. L’esponente di Sel prosegue: “Un particolare ringraziamento va fatto alla FP CGIL e alla caparbietà di Michele Corsino, che nonostante l’atteggiamento ostile di un’amministrazione non di certo ben disposta, è riuscito a spuntarla e a condurre in porto una trattativa che se non fosse stato per i diktat del sindaco, si sarebbe potuta risolvere molto tempo prima”.

"In più mi chiedo: dov’erano gli esponenti del Prc, quel partito dei lavoratori, ora diventato partito degli asserviti'" conclude De Nisi.


 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento