Politica

Aboubakar Soumahoro, il leader "foggiano" della lotta al caporalato lascia l'Usb: si profila un impegno in politica

"Decisione irrevocabile" del leader della lotta al caporalato e delle battaglie dei braccianti nel Foggiano. "Non ci resta che augurargli i successi che merita nel mondo in cui ha scelto di meditare camminando" 

Aboubakar Soumahoro

Aboubakar Soumahoro lascia l'Unione Sindacale di Base. Componente dell'esecutivo nazionale confederale, leader della lotta al caporalato e delle battaglie dei braccianti nel Foggiano, ha rassegnato le sue dimissioni irrevocabili. "La sua decisione non ci giunge del tutto inattesa: da tempo la sua internità ai processi decisionali collettivi del sindacato era andata scemando - scrive l'Usb - e sempre più il suo impegno si era realizzato attraverso altre forme. Ovviamente l'uscita di Abou dalla nostra organizzazione non è indolore, come non lo sarà per quel settore, i braccianti e il lavoro agricolo, che aveva il compito di seguire e organizzare e che fin qui ha seguito e organizzato con grande capacità e dedizione. Ma la Usb ha risorse importanti al proprio interno che potranno continuare nel lavoro avviato con Abou. Ad Abou - conclude l'organizzazione nella sua nota - non ci resta che augurare i successi che merita nel mondo in cui ha scelto di meditare camminando". 

La scelta potrebbe essere dettata dall'avvicinamento ad un movimento politico, in cui si potrebbero sostanziare le nuove forme del suo impegno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aboubakar Soumahoro, il leader "foggiano" della lotta al caporalato lascia l'Usb: si profila un impegno in politica

FoggiaToday è in caricamento