Le strutture RSA, la seconda casa per gli ultrasessantenni non autosufficienti e per pazienti affetti da Alzheimer

Un viaggio alla scoperta delle RSA, dove anziani e utenti affetti da Alzheimer posso ricevere le giuste cure

Una RSA è una struttura extraospedaliera che accoglie gli ultrasessantenni non più autosufficienti che necessitano di assistenza medica, infermieristica e riabilitativa. Strutture ricettive che mettono a disposizione del paziente una lunga lista di servizi per l’assistenza al paziente. Nella Rsa Universo Salute Don Uva di Foggia, è possibile trovare un’equipe multidisciplinare composta da medico specialista, psicologo, assistente sociale, coordinatore infermieristico, responsabile dei servizi sociosanitari, infermieri professionali, oss e fisioterapisti. Il tutto assecondato da  servizi di esami specialistici quali il laboratorio analisi, radiologia e tutti i servizi che riguardano il benessere della persona.
Per accedere in RSA è necessaria la SVAMA sanitaria dal medico di medicina sanitaria, una SVAMA sociale compilata dall’assistente sociale del comune di residenza, documentazione clinica-anagrafica del paziente più domanda dell’utente per accesso in residenza sanitaria assistenziale alla ASL del comune di pertinenza. L’unità di valutazione multidisciplinare dell’ASL, presa visione dell’intera documentazione, autorizza le giornate di permanenza nella struttura prescelta.

Una  struttura, quella di Universo Salute Don Uva, può accogliere 120 pazienti, e si accede attraverso un percorso diviso in due fasi: la fase burocratica, svolta dalla famiglia del paziente attraverso la ASL di competenza che autorizza l’ingresso nella rsa. Superata questa fase, si passa all’accoglienza nella struttura, cercando di creare un ambiente familiare per ridurre al minimo il disagio.

Per info su Universo Salute Don Uva di Foggia si può chiamare al numero 0881 715111 o al numero verde relativo a tutte le strutture dell’Opera Don Uva di Puglia e Basilicata 800 64 23 34.

Si parla di

Video popolari

Le strutture RSA, la seconda casa per gli ultrasessantenni non autosufficienti e per pazienti affetti da Alzheimer

FoggiaToday è in caricamento