Bonus Alberghi: Hotel e Agriturismi green con il credito d’imposta al 65%

Scopri come effettuare lavori di riqualificazione e miglioramento della tua struttura

Oramai è risaputo, l’emergenza Covid ha messo in ginocchio l’economia, con impatti disastrosi in particolare sul settore del Turismo.

In Italia, questo segmento vale ben 146 miliardi di euro, una cifra pari al 13% del Pil, generata da una filiera di 216 mila esercizi ricettivi.

Inevitabile, quindi, e si spera esaustivo, l’intervento delle autorità governative con l’introduzione di politiche di sostegno alle imprese in difficoltà. Il Decreto Agosto ha introdotto una serie di misure per il rilancio dell’economia nel settore turistico. Per il biennio 2020-2021 sono stati infatti destinati fondi pari a 360 milioni di euro per la riqualificazione ed il miglioramento delle strutture ricettive. (c.d. Bonus Alberghi o Tax Credit Riqualificazione).

Con il Bonus Alberghi, Hotel, B&B, villaggi turistici e agriturismi possono effettuare lavori di riqualificazione e miglioramento delle proprie strutture, usufruendo del credito di imposta al 65%.

È un’opportunità davvero vantaggiosa per le realtà del settore turistico: il credito d’imposta fissato al 65%, è utilizzabile in compensazione nel modello F24, anche in un’unica soluzione senza obbligo di ripartizione. In questo modo le aziende hanno la possibilità di ridurre l’impatto dell’F24 sul proprio bilancio mensile.

Con il Bonus Alberghi, oltre agli interventi antisismici, di ristrutturazione edilizia, è possibile incrementare l’efficienza energetica, installando impianti fotovoltaici per la produzione di energia elettrica, pannelli solari termici per la produzione di acqua calda, schermature solari per la riduzione dei consumi per il condizionamento estivo e impianti di coibentazione per ridurre la dispersione termica degli immobili.

albergo-bonus-fotovoltaico-2

Enermea, azienda della Capitanata specializzata in efficienza energetica, offre sul mercato un servizio integrato in grado di rendere immediatamente fruibile tale occasione a tutti gli imprenditori del settore turistico.

Forte di quindici anni di esperienza in progetti di efficientamento energetico per le imprese, suo core business, mette a disposizione un gruppo di consulenti, progettisti e operatori dedicati alla realizzazione di impianti chiavi in mano e alla creazione di soluzioni su misura, definite sulle esigenze specifiche di ogni azienda.

Le aziende del settore turistico che hanno scelto Enermea hanno registrato una riduzione del 43% delle spese di approvvigionamento energetico ed un aumento degli utili.

Ma i vantaggi non riguardano solo il potenziale risparmio ma anche il potenziale incremento del proprio business. In base ai dati del Sustainable Travel Report di Booking.com, il 73% dei turisti preferisce un hotel eco-sostenibile ad uno tradizionale.

Quindi dotarsi di tecnologie, come il solare termico per la produzione di acqua calda sanitaria e il fotovoltaico per la produzione di energia elettrica, rappresenta anche una concreta opportunità di acquisire nuovi clienti per ampliare il proprio business e far crescere il fatturato. Allineare la propria offerta al nuovo trend della sostenibilità è ormai un must per chiunque voglia farsi trovare pronto a ripartire quando la pandemia sarà finalmente sconfitta.

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Curva contagi in discesa in Puglia, verso l'addio alla zona rossa. Emiliano: "Restrizioni verranno allentate nei prossimi giorni"

  • Il caso Puglia zona rossa e quel miraggio color arancione che sa di beffa

  • La Lega vuole la Puglia arancione da lunedì 19. Marti: "Non paghino parrucchieri ed estetisti gli errori di Lopalco"

  • Spara e uccide la moglie, trovata sul letto insieme al marito agonizzante: il femminicidio a Cerignola, la vittima aveva 80 anni

  • "La mia rosa se n'è andata in una busta dell'immondizia". La straziante lettera che fa scoppiare in lacrime Tutolo: "Questa è violenza gratuita"

  • Si torna a scuola, tutti in classe dal 26 aprile: anche alle 'Superiori' ma non nelle zone rosse

Torna su
FoggiaToday è in caricamento