San Severo, alunni in festa per la firma del “Patto con la natura” con l'Asl Fg

Cani, falchi e volatili selvatici ad allietare le scolaresche della “Andrea Pazienza” di San Severo: al via il progetto del Servizio Veterinario Area C della ASL Foggia

La firma del protocollo

“Aiutiamo l’ambiente e ricostruiamo, recuperiamo e rispettiamo insieme il nostro futuro”. È l’impegno che gli alunni della scuola primaria “Andrea Pazienza” di San Severo hanno assunto questa mattina durante la manifestazione “Un patto con la natura”.

In rappresentanza dell’intero istituto, cinque bambine di quinta elementare - Maria Teresa, Alessia, Martina e le due piccole Chiara - sguardo serio e penna alla mano, hanno firmato, nero su bianco, il loro impegno a salvaguardare la natura. In calce, come controparte di un vero e proprio patto formale, le firme dei rappresentati delle istituzioni che hanno collaborato alla realizzazione del progetto: ASL Foggia, Prefettura, Provincia di Foggia, Parco Nazionale del Gargano, Corpo Forestale dello Stato, Capitaneria di Porto, Legambiente e Ufficio Scolastico.

Tutt’intorno una festa gioiosa animata da un centinaio di alunni e alunne che hanno ascoltato i promotori del progetto illustrare, con un linguaggio adatto al piccolo pubblico astante, la ricchezza e la necessità di tutela della fauna locale. Promosso dal Servizio Veterinario Area C della ASL Foggia, diretto dal dott. Luigi Urbano, il progetto è una estensione di "Benessere e Pet Terapy: quando è l'uomo ad aver bisogno degli animali", prima sperimentazione in Puglia, rivolta ai piccoli pazienti del Centro di Neuropsichiatria infantile della ASL Foggia.

Durante la manifestazione, le scolaresche hanno avuto modo di interagire in attività di gruppo con uno dei cani impegnati nella pet terapy, un esemplare di Labrador di cinque anni, che ha subito catturato la loro attenzione. Per il gran finale, tutti in giardino, dove un falconiere si è cimentato con il suo fedele falco in spettacolari esibizioni di volo libero mentre numerosi volatili selvatici, curati nel Centro Provinciale di Fauna Selvatica provinciale, venivano reimmessi in libertà.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il progetto continuerà con una serie di incontri nelle scuole primarie e secondarie della provincia durante i quali gli specialisti veterinari della ASL attiveranno laboratori di studi per la salvaguardia dell’ambiente e della natura, fornendo consigli utili ad alunni e studenti su come comportarsi in caso di avvistamento o ritrovamento di animali selvatici e marini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Conte firma il nuovo Dpcm: locali chiusi a mezzanotte, feste in casa massimo in sei e quarantena da 14 a 10 giorni

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento