Germani Reali trasferiti in massa allo 'Scalo dei Saraceni', scatta l'allarme: "Non è un luogo sicuro"

Le Guardie Ambientali Italiane di Manfredonia: "Bisogna che qualcuno intervenga per proteggere queste anatre, intensificando la sorveglianza, i controlli e rendere più seri eventuali provvedimenti"

Germani Reali a Scalo dei Saraceni

Un centinaio di Germani Reali (fauna selvatica) si sono spostati inspiegabilmente dall'Oasi Lago Salso (nella tarda serata di ieri colpita dall'ennesimo incendio) alla frazione balneare di Scalo dei Saraceni, in un prato verde adiacente l'ingresso della struttura turistica. 

"Cosa abbia indotto questo elevato numero volatili a spostarsi dal loro habitat non è chiaro", scrive in una nota stampa il responsabile delle Guardie Ambientali, Alessandro Manzella. "Ma per la vita di queste anatre e anatroccoli non è sicuramente un luogo sicuro".

Dai sopralluoghi svolti delle Guardie Ambientali Italiane di Manfredonia e dalle testimonianze raccolte da alcuni residenti, infatti, è emersa "la presenza in zona di cani randagi o di proprietà, che rincorrono le anatre nonchè di persone che cercavano di catturare alcuni esemplari, fatte poi desistera con la minaccia di chiamare le forze dell'ordine".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Bisogna che qualcuno intervenga per proteggere queste anatre e per capire il perché di questo spostamento, intensificando la sorveglianza, i controlli e rendere più seri i provvedimenti da parte degli enti preposti". Il responsabile delle Guardie Ambientali Alessandro Manzella, ricorda che "la fauna selvatica è patrimonio indisponibile dello Stato ed è tutelata nell'interesse della comunità nazionale ed internazionale. Inoltre è vietata in tutto il territorio nazionale ogni forma di uccellagione e di cattura di uccelli e di mammiferi, nonchè il prelievo di uova, nidi e piccoli nati, reati questi, sanzionati penalmente anche con la reclusione"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento