A Manfredonia il 'porta a porta' fa la differenza: niente ecotassa, esultano i contribuenti

Gongola il sindaco Angelo Riccardi: "I risultati della differenziata permettono a tutta la comunità di godere di un risparmio, per quest'anno, di circa 250.000 euro"

La squadra Ase

La decisa inversione di rotta sul tema della raccolta di rifiuti premia, ancora una volta, Manfredonia.

A distanza di un mese, infatti, dal riconoscimento di Legambiente quale migliore start up 2016 in Italia per il servizio di raccolta differenziata porta a porta, da Bari giunge la lieta conferma che per la nostra città non vi sarà nessuna applicazione dell’ecotassa prevista dalla Regione Puglia, ovvero un ulteriore costo che i Comuni devono pagare per ogni quantitativo di rifiuti solidi urbani conferiti in discarica (indifferenziata).

Ciò significa che non vi sarà nessun aggravio dei costi già sostenuti da “A.S.E. SpA” ma, anzi, un risparmio di circa 250mila euro per le casse comunali, a vantaggio delle tasche del cittadino che non vedrà nessun ulteriore aumento rispetto all’attuale tariffazione. “Questo dato – commenta il sindaco di Manfredonia, Angelo Riccardi - è la testimonianza che i manfredoniani hanno cambiato e stanno cambiando, in meglio, le loro abitudini".

"E’ ovvio che la percentuale di differenziata raggiunta non può essere un punto di arrivo, ma un altro gradino di una crescita continua e collettiva della nostra comunità. Siamo coscienti che il servizio può e deve sempre essere migliorato, ma i progressi sono evidenti e certificati anche dai numeri, oltre che da una migliore igiene nelle zone raggiunte dalla raccolta differenziata porta a porta. L’ecotassa è stata istituita dal governo regionale per incentivare la raccolta differenziata a discapito dell’ obsoleto e dannoso utilizzo delle discariche".

UN MESE DI #DIFFERENZIAMOCI: MANFREDONIA VOLA AL 72%

Da tale pagamento sono esonerati i Comuni che hanno raggiunto nel mese di giugno 2016 una maggiorazione di 5 punti percentuali rispetto alla percentuale di raccolta differenziata raggiunta nel mese di novembre 2015. Ebbene, Manfredonia, grazie alle politiche di sensibilizzazione messe in campo dall’Amministrazione comunale e dall’ASE, ma con il determinante apporto della cittadinanza, non solo ha raggiunto tale obiettivo, ma ha, addirittura, raddoppiato il risultato, facendo registrare un aumento del 10% rispetto al 12,6% del novembre scorso.

“Un obiettivo che in molti credevano non fosse possibile raggiungere. Chi ci ha creduto fermamente, invece, ha lavorato sodo e in silenzio – aggiunge Riccardi - affinché questi sforzi fossero premiati nella giusta misura e a dispetto di tutte le Cassandra, i riottosi alla civiltà ed i profeti di sventura".

"Un risultato possibile grazie al mix di efficiente e lungimirante governance, di concerto tra l’Amministrazione comunale e l’azienda, sulla delicata questione dei rifiuti, e una sempre più sostanziale collaborazione della cittadinanza - dichiara Adriano Carbone, amministratore unico di 'A.S.E. SpA' - che, in prospettiva, porteranno ad ulteriori benefici di decoro urbano, igiene e contenimento dei costi del servizio, anche in virtù dell’entrata a regime del servizio di raccolta differenziata porta a porta, che consentirà l’ulteriore abbattimento delle quantità di indifferenziata da conferire in discarica".

“Voglio ringraziare i concittadini – conclude Riccardi - per gli sforzi compiuti e per la determinazione che stanno mostrando nel provare a cambiare le loro abitudini nel conferimento dei rifiuti. Siamo perfettamente consapevoli che dobbiamo fare ancora parecchi passi in avanti per rendere il servizio efficiente e per contrastare i tanti comportamenti incivili che, purtroppo, deturpano la città in cui viviamo, ma questa è la strada che dobbiamo e possiamo percorrere insieme. Tutti dovremo continuare ad essere all’altezza della situazione e degli obiettivi ambiziosi che ci attendono”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Cerignola: spara e uccide la vicina, ferisce la moglie e poi si toglie la vita

  • Omicidio nel Foggiano: ucciso 'Fic secc', noto esponente della criminalità garganica

  • Scacco al clan: maxi operazione antimafia di Carabinieri e Cacciatori, 50 arresti (anche a Foggia e Cerignola)

  • Quel piano 'bomba' per uccidere 'Fic Secc': ieri l'omicidio a colpi di fucile dell'erede di Romito, stub e perquisizioni

  • Bomba in vicolo Ciancarella, a Foggia: colpita la friggitoria 'Poseidon', malore per un residente

  • È foggiano il miglior panettone artigianale tradizionale d'Italia: è di Andrea Barile del bar pasticceria 'Terzo Millennio'

Torna su
FoggiaToday è in caricamento