menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Trivellazioni, Romani ai tremitesi: “Senza energia si torna al Medioevo”

Il ministro definisce complicata l'operazione Tremiti per via di "alcuni meccanismi locali". Poi passa al contrattacco: "Mi chiedo se queste persone si rendono conto che senza energia si torna al Medioevo"

"Il governo punterà ad aumentare la produzione nazionale di gas e di greggio". Lo ha affermato il ministro allo Sviluppo Economico, Paolo Romani, all’assemblea annuale dell’Unione Petrolifera.

A preoccupare il ministro è il notevole incremento delle bollette dell’energia che si prefigura per quest’anno e soprattutto la crisi libica e lo stop al nucleare deciso dagli italiani.

E se il prezzo per l’acquisto del greggio per il presidente dell’Up Pasquale De Vita, pesa e non poco sugli italiani e sugli importatori di greggio, Romani ha affermato che il governo punterà sull’aumento delle produzioni di gas nell’offshore italiano dove il paese “vanta un primato mondiale in termini di sicurezza e dove c'è la possibilità di incrementare le nostre produzioni di gas, oggi di 7 miliardi di metri cubi l'anno, di ulteriori tre miliardi". 

Sulla tormentata vicenda delle Isole Tremiti, il ministro ha affermato che sarà complicato trovare una soluzione per via dell’esistenza di “alcuni meccanismi locali" e ha poi aggiunto: "Mi chiedo se queste persone si rendono conto di cosa significa: senza energia si torna al Medioevo".

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento