menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Alfonso De Pellegrino: “1000 utenti ingannati dagli agenti di Enel Energia”

La maggior parte sono anziani. Il resto abita in zone popolari della città. Amgas Blu punta alla certificazione dei consumatori. Operare una strategia di contrasto e prevenzione del fenomeno

Sono più di mille le denunce degli utenti nei confronti dei procacciatori che inducono a abbandonare Amgas Blu per passare ad Enel Energia. Il dato è emerso nel corso dell’incontro tra l’amministratore unico e il direttore della società foggiana, Alfonso De Pellegrino e Marcello Iafelice. Presenti anche le sei associazioni di tutela dei consumatori (Adiconsum, Adoc, Adusbef, Federconsumatori, Movimento difesa del cittadino e Unc). L'incontro è stato organizzato per concordare una strategia operativa a tutela dei cittadini e per il rispetto delle norme che regolano la libera concorrenza tra operatori.

Contro Enel Energia c’è un ricorso di Amgas Blu una serie di esposti dei consumatori. I procedimenti in corso si svolgono per reiterata inottemperanza della società ad un precedente provvedimento con cui l'Authority aveva già sanzionato la società con una multa di 50.000 euro.

I più colpiti sono gli anziani. De Pellegrino ha dichiarato che la maggiore quota di clienti inannati abita nelle zone più popolari della città. I vertici di Amgas Blu e le organizzazioni consumeristiche hanno, quindi, convenuto sulla opportunità di elaborare una strategia operativa di prevenzione e contrasto di queste irregolarità, che sarà formalizzata con la sottoscrizione di un protocollo d’intesa.

Dopo aver ottenuto la certificazione di qualità a norma ISO, vorremmo ottenere dalle associazioni dei consumatori il formale riconoscimento che operiamo nel pieno rispetto delle norme ed effettivamente al servizio dei nostri clienti"  è l’auspicio espresso da Alfonso De Pellegrino “
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento