Vico del Gargano tra i “magnifici 12” borghi della Street Art: un'opera promuoverà le sue radici culturali

A Bari, l’assessore Rita Selvaggio ha firmato il disciplinare del progetto. Entro il 31 ottobre, sarà realizzata e inaugurata un’opera d’arte di strada

Vico del Gargano è tra i primi 12 comuni della Puglia, su 92 che complessivamente hanno presentato il progetto, in cui sarà subito finanziata e cantierizzata l’idea progettuale che ha partecipato al relativo bando regionale relativo a “Promozione e sostegno della Street Art”. Ieri, a Bari, l’assessore comunale alla Cultura e alla Pubblica Istruzione Rita Selvaggio ha sottoscritto il disciplinare che dà il via alla realizzazione di un’opera di street art a Vico del Gargano. “Nei prossimi giorni”, ha spiegato Rita Selvaggio, “in uno degli spazi pubblici all’aperto del nostro paese, sarà realizzata un’opera che promuove lo straordinario valore e la grande attualità delle nostre radici culturali, delle tradizioni che si rinnovano e s’innovano di generazione in generazione”. “Vico del Gargano”, ha aggiunto il sindaco Michele Sementino, “è nel circuito d’eccellenza de I Borghi più belli d’Italia, grazie alle peculiarità del suo centro storico e al fortissimo legame della Comunità con le proprie tradizioni culturali. Con questo progetto, continuiamo un lavoro di valorizzazione e promozione rivolto anche, se non soprattutto, alle giovani generazioni, alle ragazze e ai ragazzi, in modo che possano comprendere pienamente quali sono il valore e la ricchezza della nostra identità storica”. L’opera d’arte sarà realizzata nel cortile dell’istituto scolastico comprensivo Manicone-Fiorentino di Vico del Gargano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Promozione e sostegno della Street Art” è l’innovativa iniziativa finanziata con 450mila euro in tre anni dalla Regione Puglia. Si tratta di una delle cinque azioni del programma della Regione Puglia comprese nell’ambito del progetto “La Cultura si fa Strada”, approvato dalla Giunta regionale a giugno scorso, destinata a promuovere e sostenere forme espressive visive in grado di contribuire a rigenerare e riqualificare luoghi e beni pubblici. Alla Call regionale, avviata lo scorso 7 agosto e rivolta agli enti pubblici al fine di ricevere proposte per la realizzazione di questi interventi, hanno risposto ben 92 amministrazioni, tra comuni, scuole e università. 
Tra questi, sono stati individuati i primi 12 interventi, “immediatamente cantierabili”, quelli per i quali i proponenti avevano previsto entro il 31 ottobre prossimo la conclusione dell'opera. Si tratta delle istanze presentate dai Comuni di Aradeo, Caprarica di Lecce, Gallipoli, Racale, Muro Leccese, Galatone, Sant’Agata di Puglia, Vieste, Foggia, Vico del Gargano, Andria e dall’Istituto Scolastico Comprensivo “Bosco-Fiore” di Altamura. Questi progetti sono stati finanziati in prima battuta con le risorse disponibili per il 2019 dal bilancio autonomo regionale (150mila euro). Esattamente come accade già oggi in molte città d’Italia e d’Europa, anche in Puglia la street art si sta caratterizzando come la forma più contemporanea di creatività, favorendo l’innesco di energie vitali e positive, soprattutto dei più giovani, con un interesse crescente da parte di un pubblico sempre più vasto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Foggia: trovato cadavere in un'auto

  • Palpeggia, solleva e stringe a sè ragazza in via Sabotino. Interviene la polizia. Cittadino denuncia: "Siamo stanchi"

  • Violenza sessuale su ragazza di 20 anni. Il racconto tra le lacrime: "Mi teneva così stretta che non riuscivo a liberarmi"

  • Ragazza trovata morta nel bagno della sua stanza: la tragedia nella residenza universitaria Einstein di Milano

  • Uomo scomparso a Foggia, da 24 ore non si hanno più notizie. I familiari: "Aiutateci a ritrovarlo"

  • Federica, la ricercatrice che combatteva contro le ingiustizie strappata alla vita da un aneurisma cerebrale

Torna su
FoggiaToday è in caricamento