Torcinelli e paccanelli: storie diverse, sapori unici di due piatti tipici della tradizione foggiana

Il torcinello, piatto antico e comune a molti centri del Sud Italia. Il paccanello piatto tipico foggiano, ideato da Zio Lello, fondatore della Trattoria Mo

Oggi parliamo di due prodotti tipici della tradizione foggiana. Non conoscerli è impossibile, non averli assaggiati, una mancanza alla quale dover rimediare quanto prima.

Involtini di interiora con un tocco di prezzemolo, attorno ai quali è avvolto il budello di agnello. Non lasciatevi impressionare, perché quella che leggete è la descrizione di uno dei piatti tipici foggiani, e in generale del sud Italia: il torcinello.

Gnummareddi in Basilicata, nghiemeridde nel barese, torcinelli a Foggia. Il nome in tutti i casi richiama proprio l’avvolgimento del budello attorno alle interiora (torcinello richiama il verbo torcere, gnummareddi si rifà al latino “glomu” che significava gomitolo).

Si tratta di un piatto antichissimo, che secondo alcuni risale addirittura alle popolazioni dell’antica Mesopotamia, dediti all’allevamento degli ovini. A Foggia, come nelle versioni lucane e baresi, il torcinello presenta una forma piuttosto piccola, (sui cinque centimetri), che li rende perfetti per la farcitura di un panino, ma anche al forno fanno la loro ottima figura. Esistono tuttavia anche dei torcinelli di forma più grande (come i marretti di Ostuni) adatti per essere cucinati al forno con le patate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un prodotto simile – se non altro per la forma e la lunghezza – è il paccanello, elemento tipico della tradizione gastronomica foggiana. Ma a differenza del torcinello, parliamo di un piatto piuttosto recente, la cui ricetta originale si deve a Zio Lello, fondatore della Trattoria Mo. E’ un piatto che si realizza con la pancetta tesa di maiale, tagliata a fette sottili, su cui si dispone l’aglio, il prezzemolo e il pecorino. Dopo di che la si arrotola e fissa con uno stuzzicadente. Si può anch’esso cucinare alla griglia, soffriggere, o infornare con le patate. Ciò che non cambia, è il suo sapore delizioso.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • Smantellata organizzazione mafiosa: 48 arresti nel blitz 'Gran Carro', misure cautelari anche in provincia di Foggia

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

  • Coronavirus, altri 13 morti in Puglia: i nuovi contagi sono 772

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento