rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022

Terrarossa, il 'giallo' che porta Lolita Lobosco nelle campagne del Foggiano: "Racconto l'inferno di Borgo Mezzanone"

Gabriella Genisi è tornata nella terra dell’oro rosso con quello che si potrebbe definire un “giallo bracciantile”, di denuncia e in parte ambientato nelle campagne foggiane. Oggi ha presentato Terrarossa nell’auditorium della biblioteca 'La Magna Capitana' di Foggia, nuovo appuntamento della rassegna Fuori gli Autori

Agromafie, caporalato, Capitanata. Se ne è parlato con Gabriella Genisi, l'autrice barese che ha inventato il personaggio di Lolita Lobosco, vicequestore di Bari che, dopo la fortunata serie televisiva Rai, ha assunto il volto dell’attrice Luisa Ranieri.

Gabriella Genisi è tornata nella terra dell’oro rosso con quello che si potrebbe definire un “giallo bracciantile”, di denuncia e in parte ambientato nelle campagne foggiane. Oggi ha presentato Terrarossa nell’auditorium della biblioteca 'La Magna Capitana' di Foggia, nuovo appuntamento della rassegna Fuori gli Autori. Nel libro, inoltre, è presente una dedica speciale a Paola Clemente, la bracciante morta di lavoro nei campi di Andria, mentre il personaggio di Suni Digioia (la vittima su cui si apre il caso) è ispirato alla figura di Liliana Rossi, l’insegnante militante di Ascoli Satriano.

Hanno conversato con Gabriella Genisi, la bibliotecaria Roberta Jarussi e il lettore Claudio Sottile, animatore di A qualcuno piace… Giallo, gruppo di lettura della Ubik

Video popolari

Terrarossa, il 'giallo' che porta Lolita Lobosco nelle campagne del Foggiano: "Racconto l'inferno di Borgo Mezzanone"

FoggiaToday è in caricamento