menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il progetto di ‘Swapmuseum’ arriva a Foggia: tre mesi di attività per avvicinare i ragazzi a biblioteche e musei

Nelle strutture del Polo Biblio-Museale di Foggia, da maggio a giugno 2018, previste attività digitali per avvicinare i ragazzi dai 16 ai 25 anni alle biblioteche e ai musei

A partire dal mese di maggio 2018 quattro strutture del Polo Biblio- Museale di Foggia, Biblioteca La Magna Capitana, Museo del Territorio, Museo di Storia Naturale e Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea, saranno interessate dalle attività promosse dall’associazione di promozione culturale Swapmuseum, che dà la possibilità a giovani e istituti culturali di incontrarsi attraverso un reciproco flusso di tempo, creatività e premi.

Vincitrice del bando ‘Con il Sud che partecipa’ di Fondazione con il Sud, Swapmuseum ha avuto la possibilità di avviare un progetto a livello regionale che mira a coinvolgere i più giovani a vivere le strutture culturali e diventare protagonisti di una mediazione verso i propri coetanei.

Ogni struttura accoglierà ragazzi dai 16 ai 25 anni che verranno coinvolti in alcune attività non specialistiche, volte a migliorare la fruibilità della struttura stessa. I giovani, secondo le proprie attitudini, svolgeranno delle attività in cambio di benefit commisurati al numero di ore impiegate.

La direttrice del Polo di Foggia Gabriella Berardi ha subito accolto con entusiasmo la proposta: “siamo aperti a nuovi percorsi di partecipazione innovativi degli istituti culturali come quello proposto dal progetto, del resto la natura e la mission delle strutture coinvolte si prestano alla sperimentazione”.

Le attività da svolgere vanno dalla creazione di audioguide e QRcode, riadattamento delle didascalie, a quelle promozionali come video teaser, piani editoriali social, playlist musicali, contest instagram. Ogni attività si avvale di supporti digitali e i contenuti vengono caricati e conservati sulle piattaforme social accessibili a tutti tramite QRcode.

Per la Biblioteca La Magna Capitanata i partecipanti organizzeranno una guerriglia lecture, dopo aver scelto passi di libri su un tema scelto, coinvolgeranno i fruitori della struttura in declamazioni dei passi stessi; nel Museo del Territorio i ragazzi si cimenteranno nella creazione di un piano editoriale social in cui inserire foto e contenuti mettendo in campo la propria creatività: per il Museo di Storia Naturale e la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea verrà data voce alle opere esposte, dopo averle studiate, i ragazzi scriveranno un racconto di esse e registreranno dei file audio accessibili da smartphone tramite QR. Le attività verranno svolte dai ragazzi in orario extra-scolastico accompagnati da un tutor secondo un calendario in via di definizione.

Con questo progetto Swapmuseum da un lato vuole essere di supporto agli istituti culturali, dall’altro vuole avviare un percorso partecipativo per i giovani spesso distanti da tali istituzioni, sfruttando strumenti di comunicazione a loro più congeniali, per rendere la cultura accessibile e interessante anche ad un target più giovane. Swapmuseum è un modo innovativo di approccio ai luoghi di conservazione e di esposizione del Patrimonio Culturale, un’occasione per socializzare e dare libero sfogo alla creatività a partire dalla storia e dall’arte del proprio territorio.

Altri musei della provincia di Foggia hanno aderito o sono in fase di coinvolgimento. Per aggiornamenti sul progetto o per consultare le call attive è possibile consultare la pagina FB .

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento