Festa della liberazione a Manfredonia: torna a suonare la sirena antiaerea della chiesa di San Benedetto

Il 25 aprile alle ore 11, alle solite celebrazioni della autorità civili e militari, si aggiungerà il suono della sirena per ricordare le vittime della Seconda guerra mondiale

Sarà un 25 aprile diverso dal solito, quello che verrà commemorato dal Comune di Manfredonia quest’anno. Alle solite celebrazioni delle autorità civili e militari, precedute dal giro per le vie cittadine della Banda musicale ‘Città di Manfredonia’, si aggiungerà, alle ore 11,00, il suono della sirena antiaerea della Seconda guerra mondiale installata sulla chiesa di San Benedetto (angolo tra via Campanile e via Tribuna), riparata e restaurata, su espressa richiesta del sindaco Angelo Riccardi, dalla Ditta SAEM Impianti di Michele Pasqua.

Il 25 aprile è una data simbolica, perché quel giorno del 1945 coincise con l’inizio della ritirata, da parte dei soldati della Germania nazista e di quelli fascisti della Repubblica di Salò, dalle città di Torino e di Milano, dopo che la popolazione si era ribellata e i partigiani avevano organizzato un piano coordinato per riprendere le città. La Resistenza non fu di parte, bensì fu un moto popolare e unitario che voleva restituire dignità all’intero Paese. La Liberazione, quindi, permise all’Italia di dare il via ai lavori dell’Assemblea Costituente, culminati nel 1948 con l’entrata in vigore della nostra Costituzione, che pone alla sua base i valori di una società pluralista, con diritti individuali e collettivi per una cittadinanza attiva.

L’Italia subì il primo bombardamento dal cielo l’11 giugno del 1940, il giorno dopo la dichiarazione di guerra di Mussolini, e l’ultimo i primi di maggio del 1945, addirittura a Liberazione avvenuta. Per l’individuazione tempestiva degli aerei in avvicinamento, oltre all’osservazione diretta, venivano usati gli aerofoni, apparecchi con degli ampi padiglioni che convogliavano il suono negli auricolari di un operatore, che riusciva a stabilire la direzione di arrivo degli aerei e dava l’allarme. Le informazioni raccolte dai vari punti di ascolto venivano convogliate a dei centri che diramavano l’allarme alle zone interessate.

In memoria delle vittime e delle perdite subite nel corso del Secondo conflitto mondiale, la vecchia sirena tornerà a suonare a Manfredonia, con una portata di circa sette chilometri, anche se con l’inquinamento acustico ambientale di oggi l’effetto sarà meno potente di settant’anni fa. Essa suonerà alle ore 11,00 per 120 secondi, producendo un’emissione sonora della durata di 15 secondi, seguita da una pausa di uguale durata. “Ricordare chi perse la vita e la nostra città ferita. Ricordare che su quelle macerie – commenta il sindaco, Angelo Riccardi - si è avuto la forza di ricostruire. Un modo per evocare in maniera forte quegli attimi di terrore e di paura, tenendo sempre bene a mente che tutte le guerre, in ogni parte del mondo, portano solo morte e distruzione”.

Il programma delle celebrazioni:

ore 9,00 - Giro per le vie cittadine della banda musicale ‘Città di Manfredonia’;

ore 10,00 - Ritrovo presso la sede municipale delle Autorità civili e militari per la deposizione della corona al Milite Ignoto;

ore 10,30 - Deposizione della corona al Monumento ai Caduti di tutte le Guerre nella villa comunale e saluto del Sindaco Angelo Riccardi;

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

ore 11,00 - Suono della sirena antiaerea della seconda guerra mondiale, posizionata sulla chiesa di San Benedetto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento