Peschici volta pagina con ‘SenzaMbicc’, hit estiva che pompa on the beach

La rinascita di Peschici, tra orgoglio e autoironia. Brano pop per ripartire dopo l'alluvione, l'ultima sfida dell'attore Marco Milano, già Mandi Mandi

Milano, il maestro di sci peschiciano

Una hit per non piangersi addosso, per rimboccarsi le maniche senza aspettare gli aiuti promessi dallo Stato. Una canzone per rimettersi in moto, come solo i garganici hanno dimostrato di saper fare in queste occasioni. Un pezzo pop intitolato SenzaMbicc (letteralmente Senza impicci) che contiene gli intercalari, le manie ma anche i miracoli semantici dei garganici: segnatamente quelli peschiciani. Un brano che si candida a diventare il tormentone dell'estate, vista le finalità e soprattutto vista la possibilità di accedervi gratuitamente collegandosi al link per poterne scaricare i contenuti. 

L'idea, che potrebbe diventare progetto culturale ad ampio raggio, è di Marco Milano: popolare cabarettista e attore nato nella culla dell'umorismo nazionale, ovvero al Derby di Milano, protagonista del clamoroso successo ottenuto negli anni Novanta grazie al personaggio Mandi Mandi all'interno della trasmissione “Mai dire Gol”. Marco Milano si è trasferito a vivere a Peschici ormai da due anni, con l'intenzione di seguire la stessa parabola umana del grande pittore e scenografo Alfredo Bortoluzzi che elesse la bianca cittadina garganica a sede ufficiale della propria ispirazione artistica e intellettuale.

L'attore ha sposato completamente la causa dei peschiciani, al punto da intraprendere una vera e propria sfida tra orgoglio e autoironia: dettare i tempi di una ripartenza che tutti auspicano ma che stenta a decollare. Da qui la composizione del brano Senza Mbicc, da qui l'invenzione del maestro di sci peschiciano già portato sugli schermi nella scorsa stagione della trasmissione Colorado condotta da Diego Abatantuono.

Milano sarà il protagonista dello spettacolo offerto alla cittadinanza la sera di Sant'Elia, il prossimo 21 luglio in piazza Pertini a Peschici, organizzato dall'amministrazione comunale. «Questa è una città che mi ha accolto come se fossi nato qui – dichiara l'attore e cabarettista – è per me si tratta di un aspetto molto importante, sotto il profilo umano conta moltissimo. Qui è pieno di gente adorabile, con persone che hanno tratti e storie che si prestano molto alla narrazione sia sotto forma di caratterizzazione che sotto forma di caricatura. Questa è la città su cui si abbattuta una pioggia di miliardi diversi anni fa, ma è anche la città su cui si sono abbattute due sciagure nel giro di pochi anni: l'incendio terribile dell'estate del 2007 e la grande alluvione della scorsa estate. Io sto cercando di restituire, sotto forma del mio lavoro, un po' della grande umanità che mi è stata offerta qui. Mi impegnerò affinché tutta l'eventuale visibilità di questo brano possa tornare utile alla causa dei garganici in generale e dei peschiciani in particolare, sarei veramente felice se Senza Mbicc diventasse un tormentone perché vorrebbe dire che i peschiciani sono così intelligenti e saggi che sanno sorridere delle loro manie, delle loro fissazioni ma che sanno anche apprezzare il loro grande coraggio e una forza d'animo fuori dal comune». 

Difatti il brano recita, a un certo punto, che «l'alluvione ha creato impicci, ma che adesso è tempo di tornare alla normalità... ovvero on the beach». Il personaggio del maestro di sci peschiciano, che sta riscuotendo molti consensi proprio per la sua contraddizione in termini se si pensa che la Puglia è l'unica regione italiana che non dispone di impianti di scii, è divenuto molto popolare anche tra la Peschici di tutti i giorni, attraverso la cui ironia passa uno dei momenti più difficili della storia della località garganica ma al contempo anche uno dei momenti in cui si riscrive il carattere di una comunità. L'invito, rivolto a tutti da parte dell'Amministrazione Comunale di Peschici e del Parco Nazionale del Gargano, è quello di fare di questa canzone – scritta e composta insieme al cantautore viestano Vincenzo Vescera, i cui diritti sono liberi sebbene registrati alla SIAE non sottoposti a vincoli commerciali se l'utilizzo è quello del libro ascolto – un vero e proprio inno della rinascita.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus: sfondata quota 350 contagiati in un giorno in Puglia. I nuovi positivi in Capitanata sono 89

  • Coronavirus: 75 casi in provincia di Foggia, in Puglia sono 301 e tre morti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento