Sempre più internazionale il Conservatorio di Musica "Umberto Giordano" di Foggia

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Da quando il Conservatorio "Umberto Giordano" ha ottenuto la ERASMUS Charter for Higer Education, ossia il certificato - rilasciato dalla Commissione Europea - recante i principi fondamentali su cui si fondano le attività Erasmus+, l'istituto foggiano ha creduto fortemente nel processo di internazionalizzazione. Questa filosofia ha consentito al Giordano di raggiungere ottimi risultati anche nell'anno accademico appena concluso. Durante il 2017-18, infatti, sono stati consolidati i numerosi accordi preesistenti e ne sono stati sottoscritti dei nuovi con accademie e dipartimenti universitari austriaci, norvegesi, polacchi, portoghesi, slovacchi e spagnoli. Sono state realizzate molteplici mobilità sia in uscita sia in entrata tra studio, tirocinio, formazione e insegnamento. In aggiunta a queste attività che riguardano il progetto Erasmus, il Conservatorio foggiano ha proseguito con successo, nel solco degli anni passati, la collaborazione con la Sungshin University di Seoul, che ogni anno invia a Foggia un numero variabile di studentesse alle quali, successivamente, l'ateneo coreano riconosce i crediti formativi ottenuti durante l'anno accademico trascorso a Foggia.

Ulteriori studenti provenienti da altri paesi, come Cina e Argentina e Ucraina, hanno completato il quadro internazionale in crescita. Da segnalare, inoltre, l'importante protocollo d'intesa sottoscritto con l'Università di Foggia, avviato in modo sperimentale nel 2017-18 e definito recentemente in tutti i suoi articoli, in base al quale gli studenti stranieri in entrata, sia dell'ateneo sia del conservatorio, possono frequentare i corsi e partecipare alle attività di formazione e produzione ambedue gli istituti. Questo innovativo accordo è stato illustrato a circa seicento studenti del territorio da Francesco Di Lernia, professore di organo e coordinatore dell'Ufficio Erasmus del Conservatorio, nell'ambito delle Giornate Scientifiche del Dipartimento di Scienze e Tecnologie Biomolecolari tenutesi a maggio scorso presso l'aula Magna Valeria Spada dell'università. Non è mancata, infine, l'attenzione rivolta agli istituti di formazione di primo e secondo grado. Il Conservatorio, dopo aver ospitato sessanta studenti comunitari nell'ambito di un partenariato con il Liceo Polivalente Pestalozzi di San Severo, ha organizzato, nel maggio del 2018, una riuscitissima giornata dell'accoglienza riservata al Liceo Musicale Poerio, durante la quale, intervallati da esecuzioni musicali, sono stati esposti i piani di studio e le infinite opportunità che offrono le mobilità nell'ambito del progetto Erasmus+ (in allegato due foto della giornata).

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento