La Scuola di Bollenti Spiriti

  • Dove
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 01/05/2014 al 31/07/2014
    frequenza giornaliera obbligatoria di 6 ore
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

1.Cos’è la Scuola di Bollenti Spiriti    

La Scuola di Bollenti Spiriti è    un’iniziativa della Regione Puglia – Servizio Politiche    Giovanili e Cittadinanza Sociale, e dell'ARTI –    Agenzia    Regionale per la Tecnologia e l'Innovazione, promossa nell’ambito del Programma regionale per le politiche giovanili.        

La Scuola di Bollenti Spiriti forma nuove figure professionali dedicate all'attivazione di progetti di sviluppo locale e di animazione di comunità attraverso il coinvolgimento dei giovani pugliesi.        

La Scuola di Bollenti Spiriti è un percorso intensivo di apprendimento finalizzato a formare operatori di politiche giovanili (youth worker) in grado di:    

- contribuire all'estensione delle opportunità di partecipazione al nuovo Piano Bollenti Spiriti 2014-2015 “Tutti i giovani sono una risorsa” a persone e contesti con capitale culturale, economico e relazionale debole;    

- promuovere azioni generative in diversi campi  di attività che valorizzino il contributo dei giovani cittadini    al bene    comune e siano occasione di sperimentazione, apprendimento non formale e scoperta dei talenti inespressi;    

- favorire l’emersione e l’interconnessione di energie e risorse latenti degli attori istituzionali, economici e sociali e dei giovani cittadini pugliesi.    

Lo scopo finale    dell’iniziativa    è aumentare l’efficacia    e l’impatto delle nuove    azioni    previste dal Piano d’azione Bollenti Spiriti 2014 – 2015, e in generale    delle politiche pubbliche rivolte alle giovani generazioni.    

La Scuola di Bollenti Spiriti è un'azione sperimentale ideata per aumentare la capacità    istituzionale dell'Amministrazione regionale nell'ambito dell'intervento “Innovazione per l'occupabilità”, cofinanziato dall'Unione Europea attraverso il P.O.F.S.E. 2007-2013, Asse VII    “Capacità Istituzionale” e affidato all'ARTI con convenzione    sottoscritta in    data 14/09/2011.    

2. Cosa si impara e come    

La Scuola di Bollenti Spiriti affronta i temi dello sviluppo locale, delle politiche giovanili,    dell’imprenditoria sociale, della rigenerazione    urbana e dell’animazione    di comunità. La    Scuola    di Bollenti Spiriti favorirà l’utilizzo    di metodologie    e pratiche di apprendimento in situazione, capaci di valorizzare    le competenze specifiche dei partecipanti e favorire lo spirito    di iniziativa. I partecipanti svilupperanno le proprie capacità    di project management, con particolare    riferimento alla gestione di processi di attivazione sociale, in forte relazione con il    contesto locale    in cui    la Scuola di Bollenti Spiriti verrà realizzata.    

3. Chi può partecipare    

La Scuola di Bollenti Spiriti è aperta a cittadini italiani e stranieri, residenti in Puglia, maggiorenni alla data di presentazione della domanda di candidatura e nati a partire dal 01/01/1978.        

4. Come candidarsi    

Per partecipare alla Scuola di Bollenti Spiriti è necessario compilare in tutte le sue parti il formulario disponibile sui siti  web dell'ARTI (www.arti.puglia.it) e del programma  Bollenti Spiriti (bollentispiriti.regione.puglia.it).    

Il formulario, debitamente compilato e sottoscritto, dovrà essere inviato, unitamente al curriculum vitae e copia del documento    di identità in corso di validità, esclusivamente attraverso una delle seguenti modalità:    

- posta elettronica certificata (PEC) all'indirizzo arti@pec.rupar.puglia.it, con Oggetto: “Domanda di candidatura alla Scuola di Bollenti Spiriti”;     

- lettera raccomandata con avviso di ricevimento ad: ARTI – Agenzia Regionale per la Tecnologia    e l'Innovazione, Strada    Provinciale per    Casamassima km 3, 70010 Valenzano (BA), con dicitura sulla busta: “Domanda di candidatura alla Scuola di Bollenti Spiriti”.    

Le candidature dovranno pervenire, a pena di esclusione, entro e non oltre le ore 16:00 del 07/04/2014.  Non saranno valutate le candidature pervenute oltre i termini previsti o presentate con modalità differenti rispetto a quelle stabilite o presentate da soggetti privi dei requisiti indicati al punto 3 del presente Avviso.        

5. Come vengono valutate le candidature    

La candidature saranno valutate da una commissione nominata dall’ARTI.    

La valutazione avverrà in due fasi distinte.    

Nella prima fase, la commissione valuterà le domande di candidatura validamente presentate utilizzando una scala da 0 a 60 punti, così ripartiti:    

A. Coerenza del curriculum vitae con gli obiettivi e i settori d’intervento della Scuola (max 20);    

B. Coerenza della domanda di candidatura con gli obiettivi e i settori d’intervento della Scuola (max 40 punti).    

Al termine della prima fase di valutazione, i candidati che si saranno posizionati nelle prime 60 posizioni saranno ammessi ad un colloquio per    verificare la motivazione alla partecipazione e il possesso di conoscenze e competenze di base e trasversali relative alle tematiche di interesse della Scuola. In caso di parità di punteggio fra più candidati riferito all’ultima posizione utile si procederà all’ammissione di detti candidati pari merito. Il punteggio massimo attribuibile ad esito del colloquio è di 40 punti. Per superare il colloquio i candidati dovranno comunque conseguire un punteggio non inferiore a 20 punti su 40.    

Il punteggio definitivo attribuito ai candidati sarà uguale alla somma dei punteggi assegnati tramite la valutazione della domanda di candidatura e attraverso il colloquio, fino ad un massimo di 100 punti.    

Per l'attribuzione del punteggio, la Commissione procederà a moltiplicare il punteggio massimo previsto per ciascun criterio per i moltiplicatori corrispondenti ai seguenti giudizi:    

Giudizio     Moltiplicatore    

Eccellente           1    

Buono                 0,8    

Discreto              0,6    

Sufficiente           0,4    

Insufficiente         0,2    

Al termine della valutazione, verranno ammessi alla Scuola di Bollenti Spiriti i primi 30 candidati in graduatoria.    

A parità di punteggio, prevarranno in graduatoria i candidati più giovani. In caso di rinunce si procederà allo scorrimento della graduatoria degli ammessi.    

L’elenco dei candidati ammessi a colloquio con l'indicazione della data, dell'ora e del luogo di svolgimento, e il successivo elenco definitivo dei partecipanti alla Scuola di Bollenti Spiriti saranno resi noti sui siti web www.arti.puglia.it e bollentispiriti.regione.puglia.it.    

Tale pubblicazione costituirà notifica a tutti gli interessati.    

6. Quanto dura e dove si svolge    

La Scuola di Bollenti Spiriti ha carattere residenziale: ai partecipanti sarà garantito l’alloggio e verrà corrisposta un’indennità di partecipazione e vitto pari ad    un massimo di 1.200,00 Euro, al    lordo delle ritenute di legge, corrispondenti a 5,00 Euro per ogni ora di effettiva frequenza al corso. Tale indennità verrà corrisposta in due rate posticipate, di cui la prima da erogarsi al termine della quarta settimana di corso, e la seconda al termine delle attività. In entrambi i casi, l’indennità non verrà corrisposta in caso di assenza, ancorché giustificata, superiore al  30% delle ore formative.    

La Scuola di Bollenti Spiriti ha una durata complessiva  di 240 ore, distribuite in otto settimane nel periodo compreso tra maggio e luglio 2014, con una frequenza giornaliera obbligatoria di 6 ore.    

La Scuola di Bollenti Spiriti si svolgerà a Taranto. Le eventuali spese di trasporto sostenute dai partecipanti per raggiungere la sede della formazione non saranno rimborsate.    

7. Informazioni sul procedimento    

Per richiedere informazioni è possibile rivolgersi allo Staff della Scuola di Bollenti Spiriti, tramite l'indirizzo di posta elettronica scuolabs@arti.puglia.it o al numero telefonico 0804673657 dal lunedì al venerdì dalle 9:30 alle 13:30.    

8. Responsabile del procedimento    

Il responsabile del procedimento è l’Avv. Francesco Addante (email: f.addante@arti.puglia.it, tel: 080/4670234080/4670234, fax 080/4670633).

9. Trattamento dei dati personali    

Ai sensi del D.lgs. 196/2003, i dati richiesti dal formulario di presentazione delle candidature saranno utilizzati esclusivamente per le finalità previste dal presente Avviso e saranno oggetto di trattamento svolto  con o senza l’ausilio di strumenti informatici nel pieno rispetto della normativa sopra richiamata e degli obblighi di riservatezza ai quali è tenuta la Pubblica Amministrazione.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Manifestazioni, potrebbe interessarti

  • Ritornano le giornate Fai d'autunno: due weekend dedicati alla fondatrice Gilia Maria Crespi

    • dal 17 al 25 ottobre 2020
  • Torna il Buck Festival, ma in versione online: la ‘decima’ è dedicata a Gianni Rodari

    • oggi e domani
    • dal 23 al 24 ottobre 2020

I più visti

  • 'Movimento', le opere di Giorgio e Silvia Rastelli al Mat di San Severo

    • fino a domani
    • dal 24 luglio al 24 ottobre 2020
    • MAT Museo dell’Alto Tavoliere
  • Relax, giochi e buon cibo. Arrivano i Trawell-Weekend: due mesi di visite guidate esperienziali in Capitanata

    • dal 17 ottobre al 28 novembre 2020
    • Lucera - Cagnano Varano - Foggia - San Severo - Bovino - Candela - Stornara -
  • Ritornano le giornate Fai d'autunno: due weekend dedicati alla fondatrice Gilia Maria Crespi

    • dal 17 al 25 ottobre 2020
  • Aperitrawellit Lucera: 2mila anni di storia tra le strade e i monumenti

    • solo domani
    • 24 ottobre 2020
    • Basilica cattedrale di Santa Maria dell'Assunta
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    FoggiaToday è in caricamento