Sant'Agata di Puglia è 'Città del buon vivere'

Spontaneità dei riti religiosi, rispetto delle tradizioni, gioia di un lento e quieto vivere, sono questi alcuni dei diversi e validi requisiti riconosciuti alla cittadina dauna dall'organizzazione internazionale Cittàslow

Nella foto Sant'Agata di Puglia

Sant’Agata di Puglia, cittadina dei Monti Dauni, in provincia di Foggia, da oggi entra di diritto a far parte delle “Città del buon vivere” grazie al riconoscimento ricevuto dall’Associazione Internazionale Cittàslow. L’ambita individuazione arriva dopo un iter procedurale durato mesi e finalizzato all’ammissione del paese foggiano al sodalizio internazionale e al ricevimento del certificato di affiliazione.

Il Movimento Cittàslow, nasce nel 1999 e raccoglie tra i propri aderenti città e luoghi con l’obbiettivo di allargare la filosofia di Slow Food applicando i concetti dell’ecogastronomia alla pratica del vivere quotidiano. Un nuovo concetto di filosofia di vita, dunque, che mira, dalla produzione, passando per il consumo di cibo e beni al concetto di lentezza della qualità della vita stessa.

Qualità attestate oggi anche a Sant’Agata di Puglia, paese caratterizzato, tra l’altro, come richiesto proprio dal Movimento Cittaslow, dalla spontaneità dei riti religiosi, dal rispetto delle tradizioni, dalla gioia del lento e quieto vivere.
  
Mercoledì 20 maggio, il Direttore generale di Cittàslow, Pier Giorgio Oliveti, facendo seguito ad un iter procedurale seguito dal comune dauno già a partire dall’inizio del 2015, ha comunicato al Sindaco di Santagata di Puglia, Gino Russo, che la sua bella cittadina è stata certificata Cittàslow. L’attestazione ufficiale sarà consegnata al comune foggiano in occasione dell’Assemblea Generale del sodalizio, che si terrà il prossimo 20 Giugno, in occasione di EXPO, ad Abbiategrasso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un altro ottimo requisito di pregio, dunque, raggiunto dalla caratteristica cittadina dei Monti Dauni, nota col simpatico e calzante appellativo di “Loggia delle Puglie”. Un importante attestato, anche quest’ultimo, che, con grande orgoglio del sindaco Gino Russo, e della sua attivissima squadra amministrativa, va ad aggiungersi all’altrettanto apprezzabile riconoscimento di pregio che da anni vede Sant’Agata di Puglia incluso tra i paesi Bandiera Arancione, un prezioso marchio di qualità turistico-ambientale attribuito ai paesi più caratteristici dell’entroterra dal Touring Club Italiano. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento