Con il Venerdì Santo torna la processione delle Fracchie a San Marco in Lamis

  • Dove
    Centro cittadino
    Indirizzo non disponibile
    San Marco in Lamis
  • Quando
    Dal 18/04/2014 al 18/04/2014
    17.00
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni

A San Marco in Lamis il 18 aprile 2014 è il venerdì dei venerdì, quello  legato  a  uno  dei  riti  della  settimana  santa tra  i  più  suggestivi  in  Italia.  Anche  quest’anno  si  rinnova  il  consueto  appuntamento  della  processione delle fracchie,  grandi torce  incavate  e  riempite  di  legna,  sostenute  da  ruote  di ferro,  che  vengono accese e  trascinate  dai 'fracchisti' al  centro  del  paese  per  illuminare  il  cammino  della  Madonna  Addolorata.  La processione delle Fracchie è un raro caso di cultura per quelle particolari tecniche di illuminazione dei rituali notturni  festivi.  Per  questi  aspetti  specifici  lo  stato  italiano  ha  proposto all'Unesco di  inserire  la  tradizione popolare sammarchese nella lista dei beni immateriali dell'Umanità

Le fracchie sono enormi torce di legno che  oggi  sono  montate  su  ruote e  trasportate  accese  per  accompagnare  la  Madonna  Addolorata  nella  ricerca  del  Figlio. Fino  al  XIX  sec. la processione della visita dei Sepolcri, il giovedì santo sera, veniva seguita da tutte le confraternite con le fracchie accese. Un tempo erano piccole, portate a mano da ognuno e per farlo  si pagava un  carlino al Capitolo. La processione si fermava la notte nella chiesa Madre per riprendere nella visita ai Sepolcri all’alba del venerdì, senza più l’uso delle fracchie perché la luce solare rischiarava la via. Nel 1925 si costruisce la prima grande fracchia montata su ruote.

Nel periodo fascista, la sezione dell’Opera Nazionale Dopolavoro cercò di  promuovere  e  organizzare le fracchie concedendo dei  premi.  Nel  1957,  con  la  costituzione  della  Pro  Loco  e  con  la  collaborazione dell’Amministrazione  Comunale,  si  provvide  a  dare  una  struttura  organizzativa  stabile  con  l’impegno costante  di  quest’ultima  a  fornire  la  legna  necessaria  per  la  costruzione  delle fracchie.  Nel  1954,  con una  riforma  liturgica,  si spostò al  pomeriggio  la  Messa  in Coena Domini  con  il  conseguente  spostamento dell’adorazione del 'sepolcro' e delle processioni delle confraternite dal pomeriggio alla serata del giovedì santo.

Dagli  anni  ’50  le fracchie hanno assunto  dimensioni  mastodontiche.  Costruire  e  trasportare  queste  enormi fracchie incominciò  ad  apparire  una  sorta  di  prova  di  abilità  e  di coraggio. Il diametro della bocca raggiungeva anche 3,5 metri e il peso superava i 100 quintali. Alla fine degli anni ’70 si è cominciato però a mettere dei limiti di peso e grandezza.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Manifestazioni, potrebbe interessarti

  • Ritornano le giornate Fai d'autunno: due weekend dedicati alla fondatrice Gilia Maria Crespi

    • dal 17 al 25 ottobre 2020

I più visti

  • ‘Caccia al tesoro di Foggia‘, un viaggio nel tempo dall’anno mille a oggi per scoprire la storia della città

    • solo oggi
    • 17 ottobre 2020
    • Trawellit Srl
  • 'Movimento', le opere di Giorgio e Silvia Rastelli al Mat di San Severo

    • dal 24 luglio al 24 ottobre 2020
    • MAT Museo dell’Alto Tavoliere
  • Relax, giochi e buon cibo. Arrivano i Trawell-Weekend: due mesi di visite guidate esperienziali in Capitanata

    • dal 17 ottobre al 28 novembre 2020
    • Lucera - Cagnano Varano - Foggia - San Severo - Bovino - Candela - Stornara -
  • 'Appunti di rinascita', il nuovo libro di Don Luca Di Domenico

    • solo domani
    • Gratis
    • 18 ottobre 2020
    • Chiesa SS Annunziata
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    FoggiaToday è in caricamento