‘Riso alla foggiana’ accende Parcocittà

Al Parco San Felice di Foggia la mostra di vignette satiriche di Maurizio De Tullio

La mostra

Successo di partecipazione per l'inaugurazione di "Riso alla foggiana", la mostra di vignette satiriche realizzate, in quasi 35 anni, da Maurizio De Tullio e che, da gennaio di quest’anno, sono ospitate anche sul blog “Lettere Meridiane”, curato giornalmente dal giornalista e blogger Geppe Inserra. La mostra è ospitata nei locali del Centro Polivalente di “Parcocittà”, all’interno di Parco San Felice a Foggia, che si conferma sempre più spazio aperto di cultura e confronto tra esperienze artistiche e professionali tra loro anche diverse.

"Un bel laboratorio", lo ha definito Rita Amatore, presidente dell'Associazione L'Aquilone, una delle quattro realtà protagoniste del progetto "Parcocittà" (assieme ad Energiovane, Fondazione Apulia Felix e cooperativa sociale a r.l Monti Dauni Multiservice – Onlus, e con il sostegno di Comune di Foggia e Fondazione Banca del Monte).

Per Piergiorgio De Tullio, presidente dell'associazione Amici del Parco, che supporta il progetto di riqualificazione dell'area all'interno di Parco San Felice, "è stata una grande emozione e questa grande presenza di pubblico è la dimostrazione che c'è una Foggia che vive e combatte l'indifferenza. Siamo una associazione che coadiuva il progetto di Parcocittà. Ma abbiamo bisogno di tutti voi, e a proposito di questo stiamo lavorando sul progetto Meridonare che può potenziare ancora di più questo luogo di socialità e cultura".

Per il Comune di Foggia era presente Claudia Lioia, assessore alla Pubblica Istruzione: "Foggia deve rinascere anche da questi luoghi, e questa massiccia presenza è sinonimo di bellezza - ha spiegato -. Questa città ha fame di cultura, e crediamo che questo sia un contenitore da sfruttare. Assieme alla vivacità dei teatri, crediamo che quella di Parco San Felice sia l'iniziativa di maggior pregio in città".

È toccato poi al giornalista Geppe Inserra, curatore del blog Lettere Meridiane, presentare l'autore. "Maurizio De Tullio è un fine giornalista e un certosino ricercatore di personaggi della nostra terra. Ho apprezzato molto l'allestimento, con vignette che si riferiscono a tempi di realizzazione molto diversi tra loro. Ed è molto bello vedere, soprattutto per chi abita in questa zona, che questa struttura sia piena di attività e contenuti".

Un po’ emozionato, il disegnatore è poi intervenuto sulla mostra: "Nel 1985 Parco San Felice non era come oggi: raccogliemmo 7.000 firme per valorizzarlo. Nel 2011 ricordo che fu vandalizzato e vederlo oggi così vivace è motivo di felicità. Non mi sono mai sognato di fare il disegnatore satirico, ho seguito il mio stato d'animo: per me la satira è un sentimento".  “Riso alla foggiana” mette in mostra 130 vignette, realizzate da Madetù (è questa la sigla che troverete in calce ai singoli disegni) tra il 1983 e il 2017, anche se sono molte le annate prive di relative vignette, a dimostrazione che si tratta di una passione occasionale e artigiana.

Maurizio De Tullio, infatti, è noto ai più in veste di giornalista, scrittore e bibliotecario della ‘Magna Capitana’, ma non di disegnatore, una passione sorta a metà degli anni ’70 e proseguita – tra alterne vicende, professionali e personali, ma in grande anonimato – fino ai giorni nostri.           Tanti gli avvenimenti e, soprattutto, i personaggi presi di mira dal disegnatore foggiano: dallo scandalo Comaser del 1984 ai drammi del cosiddetto ‘Ghetto di Rignano’ di questi giorni, da De Mita, Andreotti e Craxi a Berlusconi, Grillo, Renzi e Salvini; dalle miserie della cronaca nera nazionale all’arroganza della mafia foggiana, per finire con qualche vignetta dedicata all’ambiente calcistico nazionale e locale.      Il tutto in chiave sempre irriverente, con il punto di vista dell’autore che emerge solo a tratti e che, in via definitiva, cerca solo di strappare – come il titolo propone – un po’ di riso ai visitatori.

E… ‘Riso alla foggiana’ è stato anche l’assaggio di una tipica ricetta foggiana a base di riso, che un apprezzato chef di Capitanata – Mario Ognissanti, oggi membro dell’Associazione Cuochi di Capitanata – ha offerto, in abbinata a del buon vino locale, subito dopo l’inaugurazione della mostra che, a beneficio degli interessati, resterà aperta tutti i giorni – accedendo dall’ingresso di via Rovelli – fino al 4 aprile secondo questi orari: dal lunedì al sabato dalle ore 9,00 alle 12,00 e dalle 17,00 alle 20,00; la domenica dalle ore 9,30 alle 12,30 e dalle 17,00 alle 20,00. La mostra sarà ospitata, dal 22 maggio al 9 giugno, anche nell'area espositiva della Biblioteca Provinciale "La Magna Capitana" di Foggia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Attimi di terrore in un supermercato: irrompono malviventi, durante la rapina minacciano e tentano di colpire cassiera

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

  • Spaventoso incidente in via Castiglione: ragazza abbatte tubo del gas e si schianta contro una farmacia agricola

Torna su
FoggiaToday è in caricamento