Ecco 'Ricordi gli accordi', il primo videoclip dei Fanoya diretto dal foggiano Gaetano Narducci

Il videoclip è stato realizzato per il singolo d'esordio della band foggiana, e vede come protagonista l'attore e coreografo giapponese Hal Yamanouchi

Ricordi gli accordi è un videoclip musicale della band FANOYA. Il video, scritto e diretto da Gaetano Narducci, è stato realizzato per il singolo d’esordio della band in uscita a Gennaio, e ha come protagonista l’attore e coreografo Hal Yamanouchi

Il videoclip di 'Ricordi gli accordi'

Il singolo, in uscita per la label Ventidieci su tutti gli store digitali, anticipa un disco di prossima uscita che vede la produzione artistica di Indigo Music (Fabio Rizzo, già al lavoro con Eugenio in Via di Gioia, Dimartino, Carnesi; Donato Di Trapani, nuovo tastierista di Paolo Nutini; Francesco Vitaliti al mixing) e il mastering di Giovanni Versari (Muse, Capossela, Thegiornalisti).

Sinossi

Un cuoco giapponese avanti con l’età dorme indisturbato nel suo locale quando viene svegliato dall’arrivo di alcuni clienti. L’occasione, per qualche motivo, gli fornisce un pretesto per far fronte alla noia lavorativa e alla malinconia agrodolce che lo attanaglia.

Bio

Gaetano Narducci è nato a Foggia nel 1990. Laureato in Lingue e Letterature Straniere all’Università di Bologna, poi in Filologia Moderna presso l’Università degli Studi di Foggia.  Da sempre appassionato di cinema e letteratura, è autore di video, spot e cortometraggi. Ricordi gli accordi é il suo esordio alla regia di un videoclip musicale.

Quella dei Fanoya è una storia fatta di oggetti: un vecchio registratore Grunding, una tastiera Casio e un microfono. Siamo agli inizi degli anni duemila quando Giacinto Brienza (voce/chitarra) e Leone Tiso (synth) registrano le prime demo in inglese e la band ha un altro nome. Ma è solo nel 2016, con la scrittura di nuovi pezzi, che nasce il progetto

Fanoya. Come tutti i nati negli ’80, i Fanoya romanticizzano quel decennio magico senza rimanerne schiavi: la loro è una ricerca musicale rivolta al synth-pop più moderno, in cui analogico e digitale si confondono, si mescolano, si intrecciano proprio come passato e presente.

Il video di questo primo singolo, scritto e diretto da Gaetano Narducci racchiude il senso dell’intero album: la malinconia che si sposa con la spensieratezza. Protagonista straordinario è l’attore giapponese Hal Yamanouchi (Wes Anderson, Dino Risi, James Mangold), che colpisce subito per il suo sguardo enigmatico, colmo di rassegnazione e stanchezza: sembra che si porti sulle spalle il peso dei ricordi cantati nella canzone, mentre si muove e si lascia trasportare dalla musica, cammina e si mescola alla gente ma è comunque sempre solo. 

Interamente girato a Foggia, in centro, nei locali del Cineporto di Puglia e nel ristorante SUSHI XIAN di Via Manfredonia, il video vede la collaborazione di vari professionisti provenienti dal territorio foggiano. Oltre al regista, la fotografia è firmata da Daniele Bisceglia, la scenografia è di Michela Casiere, e i costumi di Vize Ruffo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Tragedia sulla A14: uomo si toglie la vita lanciandosi da un ponte

  • Coronavirus: 30 morti e un contagiato su quattro in Puglia. I nuovi positivi sono 1100 su appena 4100 tamponi

  • Qualità della Vita, Foggia sprofonda all'ultimo posto: ItaliaOggi premia Pordenone

  • Addio al dott. Michele Urbano, la Capitanata piange la scomparsa di un professionista "serio e laborioso"

  • Omicidio tra Manfredonia e Foggia: ucciso 38enne, morto poco dopo il suo arrivo in pronto soccorso

Torna su
FoggiaToday è in caricamento