A Candela un “Natale multiculturale”: richiedenti asilo parte attiva dei ‘mercatini’

I 30 beneficiari del progetto SPRAR coinvolti nell’organizzazione dei famosi Mercatini di Natale, in memoria delle vittime delle stragi di Parigi. La psicologa Maria Antonietta Tucci: “Diversamente simili: così, la ri-scoperta dell’Altro”

Al lavoro per i Mercatini di Natale

Anche quest’anno, Candela darà il benvenuto alle festività natalizie con l’ormai noto “Mercatino di Natale”, che si terrà dal 5 all’8 dicembre prossimi. È un’occasione in cui, ogni anno, piccoli e grandi si ritrovano per condividere il piacere e il tepore di un’atmosfera così tanto suggestiva ed unica, in un villaggio caratterizzato da casette che esibiscono particolarità dell’artigianato e della gastronomia locale.

I beneficiari del Progetto S.P.R.AR. (Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati) “Free Entry” del Comune di Candela, scossi come tutti da quanto successo a Parigi lo scorso 13 novembre, hanno deciso di dimostrare il loro senso di vicinanza e solidarietà alle vittime delle stragi, partecipando attivamente al Mercatino di Natale, realizzando artigianalmente oggetti che abbracciano i diversi credo religiosi.

I beneficiari del progetto, promosso dal Comune di Candela ed il cui ente attuatore è la Coop. Iris di Manfredonia, sono 30, tra rifugiati e richiedenti asilo e appartengono alle più svariate nazionalità: pakistani, africani, indiani, afghani. Condividono la difficile decisione di essere stati costretti ad abbandonare il loro paese natio, la loro famiglia, la loro cultura, per scampare alle atrocità della guerra o ad altre devastanti situazioni simili.

Insieme, ora, abbracciano la realtà italiana ed in particolare quella di Candela, luogo in cui risiedono. “Dal loro arrivo ad oggi molte cose sono cambiate - spiega la dott.ssa Maria Antonietta Tucci, psicologa del progetto - descrivere l’andamento o le peculiarità che caratterizzano il progetto è quasi come tracciare la realtà di una ‘famiglia’. Assistere quotidianamente a scene di reciproco aiuto pare essere qualcosa di impossibile o “magico”, se contestualizzato all’attualità del momento che stiamo vivendo”.

“Non c’è più soltanto una solidarietà che impropriamente potrebbe essere definita ‘unidirezionale’, in quanto legame di beneficiari che condividono la stessa appartenenza etnica: ciò che si sta creando è qualcosa che non può passare inosservato. Vedere, ad esempio - continua la psicologa - un ospite indiano ed uno maliano organizzarsi insieme per mettersi alla ricerca di un lavoro diventa quasi impossibile, se soltanto si pensa a quelle che potrebbero essere superficialmente le diversità culturali o linguistiche che li caratterizzano”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Tutto ciò ha contribuito nel tempo ad abbattere i muri dell’indifferenza e della diffidenza, tessendo così le reti di un proficuo attivismo ed una forte sensibilizzazione anche a livello locale. Significativo – conclude Tucci - è vedere ragazzi di fede musulmana, indiana e cristiana radunati intorno ad uno stesso tavolo per creare insieme un presepe artigianale. Ciò che caratterizza questo progetto è, dunque, il rispetto reciproco ed un forte senso di condivisione e solidarietà”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riparte l'estate "strana" della Puglia: spiagge aperte da lunedì 25 maggio. Dal 1 luglio obbligo di apertura degli stabilimenti

  • Un regalo di nozze agli sposi dalla Regione Puglia: "Se non rimandate il matrimonio all'anno prossimo"

  • Tragedia a Manfredonia: auto in mare, morta donna

  • "Mariti avevano detto alle mogli di andare a Medjugorie ma erano a ballare la salsa con delle ventenni"

  • Straordinario traguardo in Puglia: dal tampone di paziente foggiano isolato e sequenziato genoma di due virus Sars Cov 2

  • Tragico incidente stradale sulla 'Adriatica': morto operaio foggiano, il terribile schianto contro un albero

Torna su
FoggiaToday è in caricamento