Premio Lupo 2015, edizione da record: racconti anche da Usa e Macedonia

Al concorso sono stati presentati 158 scritti (75 nel 2014) e 54 dipinti. Nella sezione letteraria concorreranno anche un americano e un macedone. Una grande operazione di promozione di un territorio dalle tante eccellenze

Il logo

Con 158 racconti presentati, l’edizione 2015 del Premio Lupo registra una crescita di partecipazione del 118% rispetto allo scorso anno, quando al concorso furono presentate 75 opere letterarie. Oltremodo significativa anche la partecipazione alla sezione pittorica: nel 2014, la mostra itinerante del Premio Lupo riuscì a esporre 36 dipinti, quest’anno saranno 54 le tele in gara. Lunedì 15 giugno, si è riunita a Roseto Valfortore la Commissione di valutazione dei lavori presentati alla ottava edizione del Premio Lupo.

DA STATI UNITI E MACEDONIA. Quest’anno, alla sezione racconti parteciperanno con un proprio scritto anche un cittadino statunitense e un giovane macedone. Sono arrivate opere letterarie da tutta Italia. La sezione riservata ai dipinti, inoltre, vedrà concorrere artisti provenienti da Trieste, Genova e Milano. Complessivamente, l’ottava edizione del “Lupo” mette in palio premi in denaro per un ammontare totale pari a 3.300 euro, oltre a notebook, tablet, iPod, smartphone e altro ancora. Roseto Valfortore è il Comune capofila di un’iniziativa sposata anche dalle amministrazioni comunali di Alberona, Castelluccio Valmaggiore, Faeto, Motta Montecorvino, Pietramontecorvino e Volturino. Il concorso, inoltre, gode del patrocinio dell’Assessorato a Mediterraneo, Cultura e Spettacolo della Regione Puglia e dell’Amministrazione Provinciale di Foggia.

LA GRANDE BELLEZZA IN 60 SECONDI. La novità di quest’anno è la sezione dedicata ai video. Fino al 30 settembre 2015, sarà possibile partecipare e concorrere all’assegnazione dei premi destinati agli autori dei cinque migliori video, quelli che con più efficacia e poesia riusciranno a descrivere uno o più aspetti della cultura, della vita e della bellezza dei Monti Dauni attraverso un filmato di 60 secondi. Un minuto di riprese, girate con videocamera o smartphone, per raccontare un paesaggio, oppure un progetto, un tramonto, un momento di vita reale in una piazza, davanti a un bar o in una sala da barbiere. Sessanta secondi per narrare la passione e il lavoro di un artigiano, il volto e la voce di un cultore della storia locale, l’entusiasmo e l’impegno di un’associazione e dei suoi soci. Quanti e quali sono i luoghi, gli edifici sacri, i siti naturalistici, le tradizioni e gli eventi che fanno di Lucera e degli altri 29 paesi dei Monti Dauni uno scrigno di tesori ambientali, storici e architettonici? Chi meglio saprà rispondere a questa domanda, realizzando un video di 1 minuto, potrà aggiudicarsi uno dei premi messi in palio dal “Lupo”.

IL FILM DEI MONTI DAUNI. Tutti i video che risponderanno ai parametri del concorso saranno pubblicati su www.rec24.it, il sito di giornalismo partecipativo che quest’anno è media partner del Premio Lupo assieme alla pagina facebook “Io amo i Monti Dauni”. Per partecipare, sono due le modalità di invio dei filmati: attraverso whatsapp, al numero 366.7053283, oppure via email all’indirizzo di posta elettronica redazionerec24@gmail.com. A novembre, i ‘corti’ che parteciperanno al premio daranno vita a un lungometraggio, “Il film dei Monti Dauni”, che sarà presentato durante un evento pubblico entro dicembre 2015. I video potranno essere anche il frutto di un montaggio che metta insieme più temi e soggetti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Genitori furiosi con Emiliano, che li invita a non mandare i figli a scuola : "La Puglia non è una regione per bambini"

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • "Esco con gli amici" ma non fa più ritorno. Scomparso a 16 anni ma c'è chi tace per paura: "Noi non dimentichiamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento