rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
Eventi

Quattro intensissime giornate per la 4^ edizione di “Corti in Opera” andata in scena a Lucera

Circa duemila studenti ai matinée e notevole presenza di pubblico all’evento finale.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Quattro intensissime giornate di proiezioni, di momenti di dibattito e di incontri con gli autori hanno caratterizzato la 4^ edizione di “Corti in Opera”, il Festival di cortometraggi organizzato dal Cineteatro dell’Opera di Lucera – con il patrocinio di Apulia Film Commission, Provincia di Foggia e Comune di Lucera – svoltosi dall’11 al 14 maggio 2022 nella città dauna. Circa duemila studenti hanno preso parte ai tre matinée del Festival dedicati ai bambini e ai ragazzi in età scolare, andati in scena dall’11 al 13 maggio. Un mare di grembiulini blu ha inondato il Cineteatro dell’Opera nelle prime due giornate del Festival, insieme alle emozioni e alle riflessioni degli alunni delle scuole elementari. Grazie ai corti d’animazione “Entre Baldosas” di Nicolas Conte e “Mila” di Cinzia Angelini – che ha inviato un videomessaggio di saluto da Los Angeles – i piccoli spettatori hanno affrontato temi delicati e attuali come il rispetto per l’ambiente e la guerra. Poi, un tuffo nella storia del cinema e nella gloriosa era della pellicola, completato dall’omaggio a Stanlio e Ollio: la proiezione di alcuni corti del leggendario duo ha entusiasmato la giovane platea, dimostrando tutto il valore di una comicità genuina e senza tempo. Non meno coinvolgente è stato il matinée del 13 maggio rivolto ai ragazzi delle scuole medie e superiori, incentrato sulla proiezione dei cortometraggi “Klod” di Giuseppe Marco Albano e “Notte romana” di Valerio Ferrara.

Profonde riflessioni hanno accompagnato il momento post-visione di “Klod”, mentre “Notte romana” ha dato vita a un dibattito acceso e sorprendente tra i giovani spettatori del Festival. Una notevole partecipazione di pubblico ha segnato anche l’evento conclusivo del 14 maggio, durante il quale sono stati proiettati cinque cortometraggi: “Big” di Daniele Pini, “Buon compleanno Noemi” di Angela Bevilacqua, “Klod” di Giuseppe Marco Albano, “Matria” di Luciano Toriello, “Notte romana” di Valerio Ferrara. La serata condotta dal giornalista Felice Sblendorio è stata, inoltre, arricchita dagli interventi dei registi Angela Bevilacqua, Daniele Pini e Luciano Toriello, della protagonista di “Matria” Carla De Girolamo e degli sceneggiatori di “Notte romana” Alessandro Logli e Matteo Petecca. Il Premio per la Regia di Corti in Opera 2022 è stato assegnato a “Big”, con la seguente motivazione: “Per l’eleganza formale, l’equilibrio dei toni e per l’affascinante atmosfera da favola nera in cui l’autore avvolge una storia di resilienza femminile intensa e sorprendente”. A consegnare il riconoscimento al regista Daniele Pini sono stati Marco Torinello e Gianni Finizio, rispettivamente direttore artistico e direttore organizzativo del Festival. Il Premio per il Sociale è andato invece a “Buon compleanno Noemi”, “un corto magnetico e vibrante che funziona sia come storia di un’adolescenza spezzata, che come riflessione sulle conseguenze devastanti della ludopatia, tema poco battuto dal nostro cinema”. I fondatori dell’associazione “Lavori in Corso” Antonietta Clemente e Umberto Di Gioia hanno consegnato il premio alla regista Angela Bevilacqua. Il Premio Cinema e Puglia è stato attribuito a “Klod”, “una storia di sopravvivenza e di coraggio coinvolgente e attuale, che erge il mare e la costa di Puglia a simboli di speranza, di accoglienza e di rinascita”.

Il regista del corto Giuseppe Marco Albano ha ringraziato attraverso un videomessaggio in cui ha fatto giungere il suo saluto al pubblico presente in sala. “Notte romana” di Valerio Ferrara ha ricevuto un Premio Speciale, così motivato: “Un cortometraggio che rinfresca l’archetipo dell’amore impossibile tra giovani di ceti diversi, abbinando a dialoghi briosi una regia efficace, un ritmo incalzante e un cast particolarmente azzeccato”. Il giornalista della Gazzetta del Mezzogiorno Alessandro Salvatore ha consegnato il riconoscimento agli sceneggiatori del corto Alessandro Logli e Matteo Petecca. Premio Speciale anche per il documentario breve “Matria”, “per aver raccontato con accuratezza quel particolare microcosmo che è l’isola linguistica francoprovenzale di Puglia e per aver reso protagoniste le nuove generazioni, sensibilizzandole a farsi custodi delle proprie radici”. Il regista Luciano Toriello ha ricevuto il premio da Pierluigi Del Carmine di Apulia Film Commission. Le battute finali del Festival hanno visto gli interventi di Marco Torinello e Gianni Finizio, che hanno espresso soddisfazione per l’andamento della manifestazione e la risposta di pubblico. La serata si è conclusa con la degustazione “Capitanata Food&Wine”, curata da Terre e Gusti e Cantina La Marchesa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quattro intensissime giornate per la 4^ edizione di “Corti in Opera” andata in scena a Lucera

FoggiaToday è in caricamento