Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Papà Michele: "I nostri quattro gemellini sono una gioia immensa". Il dott. Cristalli: "Due genitori bravissimi"

I piccoli Maria Francesca, Luigi, Antonio e Nicole sono pronti per tornare a casa. I quattro gemellini foggiani, nati da mamma Maria Laura e papà Michele, dopo due mesi trascorsi nel reparto di Terapia Intensiva Neonatale dell’ospedale Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo, sono pronti per incontrare la loro grande famiglia, a Foggia

 

. Quando sono nati, al settimo mese di gravidanza, pesavano dai 900 ai 1200 grammi; oggi pesano tra i 2200 ai 2300 grammi e godono di ottima salute. “Sono stati due mesi pieni di ansie e paure”, confessa papà Michele. “Siamo stati accolti e seguiti sin da subito con tanta attenzione da tutto lo staff del reparto, medici e infermieri che si sono presi cura dei nostri bambini come se fossero figli loro e ai quali va il nostro ringraziamento”. 

“I gemelli hanno avuto un decoroso favorevole e di questo siamo soddisfatti”, spiega Pier Paolo Cristalli, direttore del reparto di Neonatologia dell’IRCCS Casa Sollievo. “Per questo ringrazio l’equipe che ho l’onore di dirigere, e in particolar modo il lavoro meticoloso delle infermiere che con le loro attenzioni rendono possibile il raggiungimento di questi risultati. Bravissimi anche i genitori, sempre molto presenti e dotati di quella sana vena di ottimismo che ci ha aiutato loro nella gestione di questi bambini”. Lasciato l’ospedale, i piccoli sono pronti alla vita tra le mura domestiche: “Non vediamo l’ora di tornare a casa con i bambini”, spiega mamma Maria Laura. “Ci siamo organizzati per accoglierli tutti e quattro a casa, chiamando a raccolta i nonni e gli zii: una mano ciascuno ci si aiuta tutti”

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento