Cani da seguita a spasso per i Monti Dauni: tra Roseto e Alberona la prima prova di lavoro a livello provinciale

Caldarella della Pro-Segugio: "Si è trattato del primo evento provinciale di lavoro per la valorizzazione delle straordinarie razze di cani da seguita, in primis per il segugio italiano"

Questo fine settimana si è svolta, per la prima volta a livello provinciale nonché fra le rarissime a livello regionale, la prova di lavoro per cani da seguita su lepre nella splendida cornice ambientale dei Monti Dauni. L’evento, uno dei più importanti del meridione d’Italia, ha visto protagonisti la Pro-Segugio sez. Provinciale di Foggia (storica associazione per la tutela e la valorizzazione delle razze di segugio) e l’Ente Nazionale Cinofilia Italiana col Il GCD (Gruppo Cinofilo Dauno) organizzatori della straordinaria manifestazione.

Dice Matteo Caldarella referente per i Monti Dauni e vicepresidente provinciale della Pro-Segugio: “Si è trattato del primo evento provinciale di lavoro per la valorizzazione delle straordinarie razze di cani da seguita, in primis per il segugio italiano. È stato organizzato in un teatro naturale dall’elevato valore di idoneità per la lepre dove il lavoro dei cani si esprime ai massimi livelli a livello nazionale. Qui le incredibili doti olfattive dei segugi possono essere giudicate al meglio da parte di Giudici ENCI che, nello specifico sono stati il dott. Giuseppe Cicchitti e Giancarlo Fiaschetti (entrambi abruzzesi) che hanno accettato con entusiasmo di partecipare, si tratta di professionisti dalle straordinarie doti tecniche e umane che non possiamo fare a meno di ringraziare”.

Continua Matteo Caldarella: “La prova di lavoro (che non comportano azioni dannose per la lepre), ha visto la partecipazione, da mezza Italia, di appassionati provenienti perfino dalla Calabria e da Teramo, con mute tutte di grandissimo pregio. Le aree coinvolte, in primis il territorio di Roseto Valfortore, (ma altrettanto per Faeto e Alberona), rappresentano dei siti privilegiati per lo svolgimento di tali prove e il risultato di tanti partecipanti e appassionati venuti a vedere ci carica di entusiasmo per realizzare ogni anno tali eventi.

Un ringraziamento doveroso è rivolto agli enti che hanno consentito lo svolgersi della manifestazione come la Regione Puglia nella persona dell’Assessore Regionale all’Agricoltura Leo di Gioia e il referente del settore Caccia Regionale Pino Cardone, Il Presidente della Provincia di Foggia Nicola Gatta, Il Commissario Straordinario dell’ATC Provincia di Foggia Mimmo Guerra, Il presidente dell’AFV Fortore Fausto Zita, Il direttore tecnico dell’AFV Difesa Vadicola Giovanni D’Onofrio, il Sindaco di Faeto Michele Pavia, Il Presidente ENCI Regionale e Provinciale Pino Abbatangelo, Il Presidente provinciale ARCI Caccia Peppino Mastrodonato, Il Vicepresidente regionale ARCI Caccia Mario Lorusso nonché tutti i partecipanti e coloro che si sono profusi collaborando per la perfetta organizzazione, in particolare ci tengo a ringraziare Michele Roberto, Michele Autullo e Antonio Coduti.

Vedere in due giorni 14 mute (13 di segugio italiano e 1 di segugi francesi ariegeois) al lavoro, nonostante il clima inclemente di sabato, è stato un privilegio indimenticabile.

Alla conclusione delle attività, grande merito deve andare ai primi di batteria: Luigi Scalera (segugio italiano a pelo raso), Luigi Lombardi (segugio francese ariegeois) e Antonio Politano (segugio italiano a pelo raso), il vincitore è risultato Luigi Scalera (da Brindisi) che, nonostante le difficoltà dell’ultimo turno sorteggiato, ha vinto il premio di migliore muta e miglior cane con Zorro.

Oltre al valore tecnico della manifestazione, si deve considerare che si tratta di attività compatibili che possono fungere da valorizzazione turistica favorendo la destagionalizzazione in aree di per sé penalizzate e svantaggiate come i Monti Dauni”.

Conclude Caldarella: “Infine mi corre l’obbligo di ricordare l’amico Bruno Zollerano, cui abbiamo avuto il minimo onore di intestare l’evento e ringraziare i sui familiari che hanno supportato la manifestazione, ciao Bruno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento