Il presepe vivente a Rignano Garganico: cento interpreti animeranno il centro storico del più piccolo paese del Gargano

Nel più piccolo paese del Parco Nazionale del Gargano si rinnova una delle manifestazioni più longeve in Puglia e in Italia.

Fede e tradizione: questi gli ingredienti della XXII Edizione del Presepe Vivente che si terrà nel pittoresco e suggestivo centro storico di Rignano Garganico. Saranno circa cento gli interpreti che animeranno dieci botteghe di antiche arti e mestieri – come ”Socèr e Nòr”(la suocera e la nuora), “lu scarpàr”(il calzolazio), “lu scardaràn”(lavorazione della lana), “la Cantìn”(la Locanda) ed altre – allestite all’interno delle caratteristiche case-grotta, che si snodano lungo il percorso che attraverserà l’intero borgo medievale, fino a giungere alla grotta della Natività, allestita all’ombra dell’antica torre baronale. Durante il percorso sarà possibile degustare prodotti locali quali “caciocavallo”, “ceci”, oltre alle immancabili “scarpedde”, “li Scarvatèll” (gli scaldatelli) e molto altro.

Si parte giovedì 26 dicembre, dalle ore 16.00 alle 21.00 e lunedì 6 gennaio dalle ore 15:30 alle 21:00 con la tradizionale sfilata dei re Magi. In ventidue anni di Presepe Vivente sono state oltre centomila le presenze registrate accorse da tutta Italia e anche dall’estero. Un successo che testimonia e gratifica quanti, negli anni, hanno contribuito a realizzare un vero e proprio laboratorio urbano di recupero di antiche tradizioni e saperi.

Il Presepe Vivente di Rignano Garganico, del tipo “a percorso”, dove gli spettatori attraversano i luoghi allestiti per la rappresentazione scoprendo di volta in volta le varie scene, è caratterizzato dal fatto che le comparse interagiscono con il pubblico, catapultandolo indietro nel tempo quando all’interno di piccole case vivevano intere famiglie con i propri animali, e le giornate erano scandite dal ritmo delle stagioni.

In questa edizione si è deciso di apportare alla manifestazione una ventata di innovazione garantendo, comunque, il fascino caratteristico della cultura antica all’interno del borgo di origine medievale. La manifestazione è organizzata in collaborazione tra il Comune di Rignano Garganico, la Parrocchia Maria SS Assunta, l’Associazione Presepe Vivente, la Pro Loco di Rignano Garganico, il Parco Nazionale del Gargano e con il contributo della BCC di San Giovanni Rotondo, l’A.N.V.V.F. di Protezione Civile e di associazioni, volontari cittadini Rignanesi e imprese locali.

L’organizzazione consiglia ai visitatori di indossare scarpe comode, possibilmente con suole in gomma antiscivolo e abbigliamento caldo; consigliamo inoltre di portare con sé un ombrello o impermeabili in plastica. Considerata la natura, in diversi tratti, impervia del percorso, non è del tutto consigliato l’ingresso, dal punto in cui è previsto l’inizio, di passeggini, carrozzini e similari, i quali, potranno accedere direttamente alla zona centrale del Presepe in cui è presente la Natività.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Sviluppo turistico in Capitanata e i suoi borghi: un corso organizzato dai Lions club Monti Dauni meridionali

    • dal 6 novembre al 11 dicembre 2020
    • Online
  • Adventourbox: il viaggio virtuale alla scoperta di San Severo

    • 19 dicembre 2020
    • San Severo
  • Adventourbox: visita virtuale a Cagnano Varano

    • 8 dicembre 2020
    • Cagnano Varano
  • A Foggia riapre la casa del Natale

    • Gratis
    • dal 6 al 24 dicembre 2020
    • La pera cocomerina animazioni
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    FoggiaToday è in caricamento