Alberona si trasforma in una piccola Betlemme: la carica dei 100 per il presepe vivente

Dalla mezzanotte di giovedì 24 dicembre, il borgo antico di Alberona si trasformerà in una piccola Betlemme per vivere tutte le emozioni della Natività

Presepe Vivente

Si trova a mezz’ora da Foggia il presepe vivente più grande della Capitanata. Ora è davvero tutto pronto. Dalla mezzanotte di giovedì 24 dicembre, il borgo antico di Alberona si trasformerà in una piccola Betlemme. Per rappresentare la natività, e per il settimo anno consecutivo, saranno oltre 100 le persone coinvolte tra figuranti, volontari, addetti agli allestimenti e all’accoglienza.

L’associazione culturale “Giovani nel Tempo” e la Parrocchia Natività di Maria Vergine, in collaborazione con il Comune di Alberona, hanno organizzato la manifestazione che fa rivivere la notte santa del Natale e l’antica città di Betlemme. Quest’anno l’evento sarà ampliato e arricchito grazie alla larghissima partecipazione della popolazione. Il Presepe Vivente alberonese sarà visitabile il 24 dicembre (dalla mezzanotte), il 25 (dalle 18.30 alle 20.30), il 27 dicembre (dalle 18.30 alle 20.30) e, infine, il 6 gennaio 2016 (dalle ore 19) quando sarà inscenato l’arrivo dei Magi in sella ai loro cavalli.

Scene e ambientazioni del Presepe Vivente alberonese saranno ospitate nella parte più antica e meno conosciuta di Alberona, in un percorso che si dipanerà tra gli archi, le viuzze di pietra, le piazzette e le abitazioni dei quartieri storici. Nella precedente edizione, il percorso allestito nel cuore del centro storico alberonese mise in mostra quasi 30 scene: dalla Locanda al Pozzo alle Lavandaie, dal Mercato all’Annunciazione alla dimora di Erode, dalla Sinagoga fino alla Grotta di Gesù, con il mercato delle stoffe, la maga, l’incantatore di serpenti, il fabbro, il falegname e molto altro ancora.

Un cammino che si snoda lungo archi, abitazioni, viuzze, piazze e saliscendi del cuore medievale del borgo entrato recentemente a far parte de Les Villagese plux beaus de la Terre, dopo il riconoscimento della Bandiera Arancione e il marchio de I Borghi più belli d’Italia. E’ un’atmosfera magica quella del presepe vivente alberonese alla quale contribuiscono la musica e la magia che accompagnano la visita ai diversi ambienti, dalle botteghe degli antichi mestieri alla rappresentazione degli episodi evangelici più importanti.

Per quattro serate, Alberona si trasforma in Betlemme non solo per merito di figuranti e volontari ma anche grazie a una sapiente regia che sa curare nei minimi particolari l’utilizzo di costumi, attrezzi, oggetti e stoffe adeguati alla rappresentazione. Sarà un Natale ricco di eventi quello che Alberona si appresta a vivere. Sono 9 le date da segnare in rosso sul calendario, con gli appuntamenti natalizi che hanno preso il via domenica 29 novembre, alle 17:30, quando nell’Auditorium Vincenzo D’Alterio si è tenuta la prima serata del Mercatino di Natale. L’iniziativa è stata replicata anche l’8, il 13 e il 20. A mezzanotte del 24 dicembre, invece, tornerà La Notte Santa, settima edizione consecutiva del Presepe Vivente che riprodurrà le scene di vita quotidiana di Betlemme al tempo della nascita di Gesù.

Potrebbe interessarti

  • Proprietà e benefici dei lupini

  • Rimedi naturali per pulire la piastra del ferro da stiro

  • Le bracerie a Foggia: i posti giusti per gli amanti della carne

  • Cosa fare in caso di puntura da medusa?

I più letti della settimana

  • Incidente mortale tra San Severo e Apricena, violento scontro tra auto e tir: purtroppo c'è una vittima

  • Tragedia nelle campagne del Foggiano: bracciante agricolo muore schiacciato da un trattore

  • Il mare della Puglia è il terzo più bello d'Italia: quello di Vieste, Mattinata, Tremiti e Monte premiato con 4 vele

  • Esplode silos in azienda cereagricola: paura ad Ascoli Satriano

  • Attimi di paura in ospedale: violento irrompe in Pronto Soccorso, aggredisce infermiere e lancia in aria pc e defibrillatore

  • La Capitanata in lutto: è morta la 'nonna d'Europa' Giuseppa Robucci, si è spenta a 116 anni (e 90 giorni)

Torna su
FoggiaToday è in caricamento