Martedì, 19 Ottobre 2021
Eventi Carlantino

Carlantino, ecco il parco che affaccia sul lago di Occhito

Scivoli, giochi per i bambini, un anfiteatro da 250 posti a sedere e perfino le “arrampicate” Il paese della diga sta cambiando volto grazie ai progetti finanziati per la rigenerazione urbana

E’ stato inaugurato a Carlantino il parco realizzato all’interno del progetto “Le piazze della pace e della natura” finanziato dalla Regione Puglia e rientrante nel Piano di Sviluppo Territoriale denominato “I Luoghi della Natura”. Soddisfazione è stata espressa dal sindaco Dino D’Amelio. “Continua l’azione di rinnovamento del paese. L’amministrazione ha creduto e investito molto su questo progetto che unisce bambini, giovani e meno giovani”.

Per la costruzione del parco, sono stati investiti circa 330mila euro così da recuperare una zona degradata e donare una nuova funzione aggregativa e sociale a un luogo con una vista spettacolare pensato per il benessere psico-fisico dei cittadini.

Il parco si apre alla vista del lago di Occhito con i suoi spazi enormi e il suo inconfondibile skyline, che rapisce l’animo di chiunque costituendo un sollievo dagli stress quotidiani per chi si vuol concedere un ritaglio di riposo e serenità in compagnia di figli o nipoti. Il parco, adagiato sul declivio naturale che da corso Europa porta giù fino alla circonvallazione Giovanni Paolo II, sfrutta un salto di quota di circa dieci metri, che da handicap iniziale è stato trasformato in un punto di forza.

È così che sono nate le aree gioco con le “arrampicate” inclinate e verticali, gli scivoli incassati nel terreno, i  percorsi che coprono tutta l’area senza tuttavia escluderne la fruizione ai diversamente abili e, infine, l’anfiteatro per spettacoli all’aperto, capace di contenere oltre 250 posti a sedere e altrettanti sui lati. “Le forti connotazioni innovative rappresentano un vanto per il paese ma soprattutto per questa amministrazione – ha dichiarato il sindaco D’Amelio – Un’amministrazione comunale che, fra tante difficoltà, ha scommesso e investito sulle proprie risorse più forti, vale a dire il capitale umano, valorizzando, allo stesso tempo, le imprese e i professionisti locali”.

I lavori sono stati eseguiti da un’impresa edile del posto, la “Tecnocad Costruzioni” del geometra Giuseppe D’Amelio, mentre la direzione e la progettazione dei lavori sono stati affidati a un architetto locale, Maria Maggio. Dopo il parco della Pace, è partito anche il progetto che permetterà ad alcuni comuni dell’area nord dei Monti Dauni di migliorare il proprio aspetto urbano e di arricchire edifici degradati e spazi aperti.

Anche questo programma, denominato “Rigenerazione urbano territoriale”, rientra nel “Piano integrato di sviluppo territoriale” de “I luoghi della Natura” . Beneficiari di questo ulteriore finanziamento, pari a 4 milioni e 200 mila euro sono, oltre a Carlantino, i comuni di Roseto, Alberona, Biccari, Castelluccio dei Sauri, Castelluccio Valmaggiore e Volturara.

Per quanto riguarda il progetto del comune di Carlantino, le zone interessate sono: l’area a valle del parco della Pace, che con la realizzazione dei percorsi di salute completa  la dotazione di spazi pubblici e verde attrezzato; la riqualificazione della villa comunale e parte di corso Europa,  ad esclusione del centro storico e della zona a nord, aree già in buona parte riqualificate con interventi precedenti (P.I.R.P).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carlantino, ecco il parco che affaccia sul lago di Occhito

FoggiaToday è in caricamento