Eventi San Severo

Oscar del Vino 2013: sorride San Severo, il miglior vino spumante è targato D’Araprì

A Roma sono stati assegnati 16 premi, suddivisi per categorie, grazie ai voti dei lettori di Bibenda, la prestigiosa guida di vini e dei migliori ristoranti italiani

L’Oscar del Vino 2013 parla anche foggiano. La 15esima edizione del Premio Internazionale ha visto il successo del vino spumante ‘Gran Cuvée XXI Secolo 2007’ della Casa D’Araprì di San Severo. Il 3 giugno, a Roma, nella cornice magica del salone dell’Hotel Rome Cavalieri, sono stati assegnati 16 premi, suddivisi per categorie, grazie ai voti dei lettori di Bibenda, la prestigiosa guida ai vini e ai migliori ristoranti italiani.

Perché D’Araprì?: Tre amici (Girolamo D’Amico, Louis Rapini e Ulrico Priore, da cui "d'Araprì"), suonatori di jazz con una immensa passione per il vino ereditata dai genitori, decidono, per scommessa, di produrre spumante a San Severo, in provincia di Foggia, nel cuore della Daunia.

É il 1979: nasce così, quasi per caso, la Casa d'Araprì, oggi l’unica realtà in Puglia (ed una delle poche nel Meridione) ad incentrare la produzione solo sullo  spumante con il Metodo Classico. Sin dalla sua nascita, la Casa d’Araprì si è posta l'ambizioso obiettivo di raggiungere il più alto standard qualitativo, proponendo al  consumatore la sua precisa filosofia produttiva.  

Tutte le fasi della lavorazione vengono seguite personalmente dai fondatori della Casa d'Araprì. Il carattere artigianale garantisce l’alta qualità dei prodotti e il rispetto assoluto della tradizione champenoise. Gli spumanti della Casa d’Araprì non sono certo quelli che dominano le pagine pubblicitarie delle riviste: il loro segreto si custodisce gelosamente e si rivela soltanto agli amici più fidati.  

D'Araprì produce spumanti di pregio, con i caratteri della modernità e il cuore antico, ancorati ai valori del territorio d'origine, utilizzando principalmente uve autoctone, portando ai più alti livelli i propri spumanti e la loro immagine, contribuendo alla diffusione delle tante perfezioni che i  luoghi e gli uomini hanno donato nella storia della Daunia.

Tutti i premiati delle categorie dell’Oscar del Vino 2013

MIGLIOR VINO BIANCO: Chardonnay 2010 Tasca d’Almerita. MIGLIOR VINO ROSSO: Bolgheri Sassicaia 2009 Tenuta San Guido. MIGLIOR VINO ROSATO: Five Roses Anniversario 2011 Leone de Castris. MIGLIOR VINO SPUMANTE: Franciacorta Gran Cuvée Brut 2007 Bellavista e Gran Cuvée XXI Secolo 2007 D’Araprì. MIGLIOR VINO DOLCE: Alto Adige Moscato Rosa 2010 Franz Haas. MIGLIORE ETICHETTA: Trebbiano d’Abruzzo Vigna Capestrano 2010 Valle Reale. MIGLIOR VINO DI GRANDE QUALITÀ /PREZZO: Franciacorta Cuvée Prestige Ca’ del Bosco. MIGLIORE AZIENDA VINICOLA: Feudi di San Gregorio. MIGLIORE OLIO DEL RACCOLTO 2012: Olio Extravergine di Oliva Frantoio Muraglia, Olio Extravergine di Oliva Biologico Monterisi, Olio Extravergine di Oliva Raggiolo Denocciolato Felsina

Gli altri Oscar che sono stati assegnati all’evento | MIGLIORE ENOLOGO: Riccardo Cotarella. MIGLIOR RISTORANTE: La Parolina di Acquapendente (Viterbo). MIGLIORE ENOTECA: Casa del Barolo di Torino. MIGLIOR SCRITTORE: Giovanni Negri. MIGLIORE INNOVAZIONE NEL VINO: La Guardiense di Guardia Sanframondi (Benevento). MIGLIORE ADDETTO COMMERCIALE: Giovanni Lai. PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA: Bruno Vespa

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oscar del Vino 2013: sorride San Severo, il miglior vino spumante è targato D’Araprì

FoggiaToday è in caricamento