Musica Felix: per la prima volta in Capitanata in scena il melologo “Enoch Arden”

Musica felix continua con una proposta ricercata e raffinata, in prima assoluta in Capitanata, la messa in scena del melologo per voce e pianoforte “Enoch Arden”, dal poema del 1864 di Alfred Tennyson e con la musica scritta nel 1897 da Richard Strauss.
Un vero cult del genere del melologo se si pensa che la registrazione storica più importante venne fatta nel 1962 dalla Columbia Records con Glenn Gould al pianoforte e Claude Rains come narratore. Dell’LP vennero prodotte solo 2.000 copie al costo di 1.500 dollari ciascuna, solo per pochi collezionisti.
La direzione artistica di Musica felix, affidata a Gianna Fratta e Dino De Palma, lo propone nella versione originale con l’interpretazione di due artisti pugliesi che si sono dedicati per anni allo studio, alla traduzione del testo, alla preparazione della complessa performance, che prevede una recitazione perfettamente sincronizzata alla musica; il narratore sarà Andrea Savoia, artista dalla voce sfaccettata e seducente, e il pianista il poliedrico e pluripremiato artista Paolo Rotolo.
L’eroe del poema, un pescatore poi diventato mercante, Enoch Arden, lascia la moglie Annie e tre figli per andar per mare col suo vecchio capitano, che gli offre un lavoro dopo che Enoch perde il suo a causa di un incidente. L’uomo lascia la famiglia non senza dolore e solo al fine di assicurare alla moglie e ai figli un avvenire migliore, di poterli supportare con gli introiti del nuovo lavoro, di essere dunque un marito e un padre migliore. Purtroppo a causa di un naufragio Enoch finisce in un’isola deserta con altri due uomini, che muoiono sull’isola lasciando Enoch solo per oltre 10 anni. Quando Enoch, che riesce a sopravvivere superando ogni sorta di rocambolesca difficoltà, torna in patria, viene a sapere che la moglie, credendolo morto, si è felicemente risposata con Philip, da cui ha avuto un altro figlio. Enoch sceglie di non rivelare mai alla moglie e ai suoi figli di essere vivo, per non privare la sua vecchia famiglia della felicità ritrovata.
Tennyson varia un tema ben più noto e antico, quello dell’Odissea, stimolando la fantasia creativa del grande Richard Strauss che, colpito dalla storia e dal finale completamente diverso da quello del mito attribuito ad Omero e dalle differenze rispetto al viaggio di Ulisse, decide pochi anni più tardi di scrivere un melologo per voce e pianoforte.
Il fascino di questa storia ha ispirato decine di film, dall’omonimo “Enoch Arden” del 1911 diretto da Griffith, al più recente Cast Away, film del 2000 con la regia di Robert Zemeckis e col ruolo del protagonista interpretato da un indimenticabile Tom Hanks.
Venerdì 29 gennaio alle ore 19.00 nella bella cornice dell’Auditorium Santa Chiara rivivremo le emozioni di un uomo, di un viaggio, di una storia struggente di un’umanità eterna, di un racconto che tocca i sentimenti più universali del genere umano: l’amore, la famiglia, il cambiamento, l’assenza, le scelte.
Ingresso a partire dalle ore 18.30 con abbonamento o con biglietto acquistabile dalle ore 17.00 all’Auditorium Santa Chiara al costo di 8 Euro.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

I più visti

  • Fase 2, la galleria della Fondazione riapre al pubblico: prorogata al 20 giugno la mostra di Matteo Manduzio

    • Gratis
    • dal 25 maggio al 20 giugno 2020
    • Fondazione dei Monti Uniti
  • Massimo Recalcati dialoga con i lettori: Ubik Foggia tra le librerie del suo tour virtuale

    • 5 giugno 2020
    • Libreria Ubik (via Facebook)
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    FoggiaToday è in caricamento