Massimo Carafa Trio protagonista con "You gotta move" il giro del blues in 80 minuti

San Severo Winter Jazz Festival
Venerdì 15 Febbraio - Ore 21,30
Produzione: Caffè Tra Le Righe@Spazio Off
In collaborazione con Associazione No-Profit "Amici Jazz San Severo
Direzione Artistica: Antonio Tarantino

c/o Mirò Club – Via Vecchia Foggia – San Severo
Info e Prenotazioni: 348 04 22 174 – 342 10 38 402

MASSIMO CARAFA TRIO
“You Gotta Move”
Il giro del Blues in 80 minuti

Massimo Carafa: voce, rullante e chitarra
Michele ”Hispio” Frasca: chitarra e voce
Marco Amarelli: contrabbasso

Sarà il blues, passando tra i vari generi che ad esso si ispirano, il nuovo progetto musicale del musicista e compositore sanseverese MASSIMO CARAFA che presenterà in anteprima assoluta “You Gotta Move” - Il Giro Del Blues In 80 Minuti.

A presentare questo esclusivo progetto musicale sarà lo scrittore e critico musicale della rivista specializzata Musica Jazz “Alceste Ayroldi”, negli anni più volte ospite di questa importante rassegna artistica internazionale diretta da Antonio Tarantino.

Il Blues e il Jazz nascono in America come frutto dell’incontro tra due culture millenarie, quella Europea attraverso l’emigrazione e quella Africana con la deportazione degli schiavi.

L’Africa e l’Europa, seppur vicini, sono separati dal Mar Mediterraneo, al cui centro c'è l’Italia. Qui si sviluppano il Sistema Tonale e la Scrittura Musicale che in America s’incrocia con la Scala Pentafonica dell’Africa, creando così il più grande ed incredibile FENOMENO MUSICALE del ‘900.

Senza, non ci sarebbe stato niente di tutto ciò che si è prodotto da quel momento in poi.

In questo senso, l’idea del progetto trae spunto da un classico del blues " YOU GOTTA MOVE " che esorta a muoversi e a farlo senza dubbio “quando il Signore chiama”.
“ you gotta move, but when the Lord gets ready, you gotta move “

Questa bellissima versione di combo elettrico popolare dei Rolling Stones " You Gotta Move " cantata da Mick Jagger in un dialetto nero del sud è una canzone spirituale afroamericana tradizionale presente nel loro album del 1971 “Sticky Fingers” con l'accompagnamento di chitarra elettrica di Mick Taylor che segue quello di McDowell, scopritore di questa tradizionale canzone gospel.
I testi portano il messaggio cristiano che, indipendentemente dalla propria situazione nella vita, è Dio che determina il proprio destino finale.
A partire dagli anni '40, la canzone è stata registrata da una varietà di musicisti gospel.

https://www.youtube.com/watch?v=mUCoQryE7-k

Il Blues e il Jazz, afferma Massimo Carafa, sono il luogo, la casa di tutti, dove arrivare e fermarsi, o riempire la propria valigia di nuove esperienze e ripartire con una luce diversa negli occhi”.

A partire da questa idea, Massimo Carafa ha scelto una serie di standards del pop-rock dati al mondo da gruppi come Beatles: Back In The U.S.S.R. - Come Together, dei Creedence Clearwater Revival: Proud Mary, dei Steppenwolf: Born To Be Wild, dei Rolling Stones con brani come Honky Tonk Women e You Gotta Move , dai quali estrae “blues e jazz tra le righe” e lo fa con il suo trio composto da voce e chitarra d’accompagnamento, ossia gli strumenti musicali con i quali ha iniziato a praticare la musica prima ancora di studiarla, li ha ripresi per tornare alle sue prime esperienze nell’ambito del rock e del pop riuscendo a costruire gli elementi portanti per concretizzare questa idea che gli circolava in testa da un pò.

Fatto ciò, è stato poi naturale chiedere la collaborazione dei suoi amici di avventura, la chitarra e voce di MICHELE "HISPIO" FRASCA perchè desse forma reale a tutte le sue idee e il contrabbassista MARCO AMARELLI che ne fosse il cuore pulsante.
Ecco quindi un esempio di “incontro” che porterà “rinnovamento ed evoluzione” al progetto stesso a partire dalle singole “unicità”.
Mancava solo qualcuno che gli “spazzolasse” i brani ed è così che ha pensato
di farlo egli stesso, lì dove fosse necessario.

Potresti essere alto,
Potresti essere basso,
Potresti essere un bambino ricco,
Potresti essere povero,
Ma quando il Signore si prepara,
Devi muoverti.

Tutto questo e di più solo a San Severo WJF

Antonio Tarantino
Direttore Artististico San Severo WJF
Presidente Associazine Amici Jazz San Severo

ALCUNE NOTE SU MASSIMO CARAFA
Massimo Carafa, sanseverese di nascita, docente di strumenti a percussione presso le scuole statali ad orientamento musicale da qualche anno vive a Roma.
Negli anni ’80 collabora con i Solisti Dauni e in ambito jazz ha suonato in concerto con Gegè Telesforo, Teo Ciavarella, Michele Carrabba, Massimo Urbani, Vito Di Modugno, Nucci Guerra, Mirko Signorile, Mario Rosini, Michele di Monte, Gianna Montecalvo, Nucci Guerra, Guido Di Leone, Gianni Lenoci, Tiziana Ghiglioni e tanti altri.
Ha pubblicato a suo nome i cd APAZ - 1995 featuring Tiziana Ghiglioni, (dedicato all’amico Andrea Pazienza – fumettista di San Severo) e JAZZANGO 2000 con ospite Fabrizio Bosso, lodevolmente recensiti su: Musica Jazz, Ritmo, Guitar Club, Jazz, Suono, ecc.
Entrambi i progetti sono stati presentati al San Severo WJF.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • I primi 50 anni degli Amici della Musica: serata di gala al Teatro Verdi

    • solo domani
    • 13 ottobre 2019
    • Teatro Verdi
  • Linda May Han Oh e il suo contrabbasso aprono l'edizione 'autumn-winter' del Giordano in Jazz

    • 20 ottobre 2019
    • Teatro Umberto Giordano

I più visti

  • Sapori d'autunno: nel borgo antico di Bovino un appuntamento con la tradizione tra caldarroste e prodotti tipici

    • solo oggi
    • 12 ottobre 2019
    • Centro storico
  • Il Daunia Comics & Games si sposta in Villa: torna l'appuntamento per gli amanti di fumetti, cosplay e giochi

    • oggi e domani
    • dal 12 al 13 ottobre 2019
    • Villa Comunale
  • Alessandro Casillo in concerto a Foggia, ospite della terza sagra del Pancotto della Pro Loco

    • Gratis
    • 19 ottobre 2019
  • A Foggia la prima masterclass per assaggiatori di pizza

    • 22 ottobre 2019
    • Pizzeria Moreh
Torna su
FoggiaToday è in caricamento