menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Luca Vigilante sul palco del Teatro Rossini

Luca Vigilante sul palco del Teatro Rossini

Luca Vigilante, foggiano sotto scorta, ritira il premio Magna Grecia Awards: "Lo dedico a mia moglie, è lei la mia forza"

Presidente della Cooperativa Sociale Sanità Più, ha ricevuto ieri sera la prestigiosa onorificenza. A 38 anni, è costretto a vivere sotto protezione dopo tre attentati, per non essersi piegato alla criminalità

Luca Vigilante, vice presidente di Universo Salute e presidente della Cooperativa Sociale Sanità Più di Foggia, ha ricevuto ieri sera a Gioia del Colle il premio Magna Grecia Awards & Fest per le capacità manageriali, per il coraggio e per la dirittura morale con cui conduce la sua vita lavorativa e professionale vivendo costantemente sotto scorta in seguito ai tre attentati dinamitardi che hanno riguardato la sua famiglia e le sue aziende.

La cerimonia della prestigiosa manifestazione, dedicata quest'anno a Nadia Toffa, si è svolta nel Teatro Rossini ed è iniziata con l’incontro La mafia non è invincibile, con il procuratore capo della Direzione distrettuale antimafia di Messina, Maurizio De Lucia, insignito del Premio Eccellenza Franco Salvatore, alla presenza di Giuseppe Antoci, uscito illeso da un attentato che Cosa Nostra gli organizzò perché era riuscito a spazzare la mafia dal Parco dei Nebrodi. Il racconto di quella bella e tormentata terra è stato arricchito dal siciliano doc Ninni Bruschetta, attore, regista teatrale e sceneggiatore, premiato con il Mga. A seguire è stato il turno di “Sotto Scorta”: ne hanno discusso con l’inviato della trasmissione “Le Iene” Gaetano Pecoraro (anche lui premiato), l’avvocato Giulia Reina, il magistrato Alfonso Sabella (uno dei volti più noti nella lotta contro la mafia) e Luca Vigilante, questi ultimi due premiati con il Mga dal sindaco di Gioia del Colle Giovanni Mastrangelo.

"Quando si palesarono quelle persone - è la testimonianza di Luca Vigilante - dissi dentro di me: ma come farò io tra 18-20 anni, laddove i miei figli volessero continuare la nostra attività a dire loro 'vedete che forse avrete a che fare con un mafioso perché dovete regolare un po' i conti'. Non era possibile".

Ispirato dai valori e dagli ideali della cultura greca, il Magna Grecia Awards è un premio istituito nel 1996 dal regista e scrittore pugliese Fabio Salvatore insieme al papà Franco per valorizzare l’operato di uomini e donne, figli di nuove forme culturali e comunicative; una serie di riconoscimenti pensati e tributati in armoniche suggestioni a chi ha saputo dare un contributo significativo alla società attraverso la propria arte.

Luca Vigilante, "onorato ed emozionato", ha dedicato il premio in particolare alla moglie: "È lei che origina quella che altri stanno definendo una forza, e senza di lei sarebbe difficile".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento