Lesina: è in corso di svolgimento la 5^ mostra fotografica "Terra mia"

Fino al 28 Febbraio 2019 presso la Biblioteca Comunale “Mons. G. Stoico” in Via Bellini 2 a Lesina (Fg) dal Lunedì al Venerdì dalle ore 9:30 alle ore 13:00 e il Martedì e il Giovedì dalle ore 18:00 alle ore 19:00

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

È in corso di svolgimento presso la Biblioteca Comunale “Mons. G. Stoico”, in Via Bellini 2 a Lesina, la 5^ Mostra fotografica dal tema complesso, estremamente attuale e in evoluzione: “Terra Mia”.

L’esposizione, proposta dai sodali del Circolo fotografico apricenese “fotografando”, è visitabile, fino al 28 Febbraio 2019, dal lunedì al venerdì, dalle ore 9,30 alle 13,00 e dalle ore 18,00 alle 19,00, nel pomeriggio del Martedì e Giovedì, ed è imperniata, come le passate edizioni, su un tema che implica importanti riflessioni sulle identità culturali, che la modernità non deve cancellare, cercando le peculiarità del nostro territorio o il giusto equilibrio tra modernità e tradizione.

Punto di forza di “Terra Mia”, sia in quest’edizione, che in quelle precedenti, è senza dubbio l’ambiente, aspetto che concorre in larga misura ad influenzare l’identità di un territorio, che se da un lato può aiutare una comunità a preservare il proprio patrimonio identitario, dall’altro può contribuire alla distruzione di quel patrimonio e allo sradicamento culturale che ne deriva. Ambiente, paesaggio e cultura rappresentano i tratti distintivi di una comunità, lo specchio di un territorio, spesso dimenticato, il cui depauperamento è il riflesso del degrado sociale e politico del suo territorio.

Così, gli autori delle foto, Emanuela D'Alessandro, Tiziana Di Sipio, Orsola Greco, Natia Merlino, Maria Grazia Queto, Serena Santamaria, William Buono, Nazario Cruciano, Claudio Del Fuoco, Gennaro del Viscio, Vincenzo Di Carlo, Antonello Ferrazzano, Antonio Giammario, Giuseppe Iacubino, Rocco Manduzio, Piero Mastroiorio, Bartolomeo Perrotta, Michele Pizzicoli e Martino Vitale, hanno inteso focalizzare come attraverso le loro opere scorci di territorio o tradizioni è “prendersi cura” del proprio luogo, ricordare e conservare la memoria del valore di quei posti e della comunità che lo vive.

L'Associazione fotografica “fotografando”, nata ad Apricena nel 2013, molto ben radicata sul territorio, dedita a manifestazioni culturali e di beneficenza, è presieduta dal vulcano di idee e “macchina organizzativa”, Antonello Ferrazzano, che dice: «Con le sei edizioni di questa Mostra fotografica “Terra Mia”, e non solo, abbiamo regalato un considerevole numero di libri alle Biblioteche dei vari comuni che ci hanno ospitato, come Apricena, Lesina, Poggio Imperiale, Rocchetta Sant’Antonio, San Paolo di Civitate, Torremaggiore, Vico del Gargano. Come si può intuire “Terra Mia” è una Mostra fotografica itinerante, che prende il via ad Apricena, con la promozione dell’Amministrazione Comunale nella persona del Sindaco Antonio Potenza e dell’Assessore alla Cultura Anna Maria Torelli, per poi raggiungere le Biblioteche dei paesi limitrofi che ci ospitano, e al suo interno prevede lo spazio “FotoLibro”, il momento di raccolta fondi utile ad acquistare, appunto, i volumi che poi doniamo alle Biblioteche. Questo spazio è curato nella logistica dalla dott.ssa Natia Merlino, che effettua la scelta dei libri in sintonia con le Biblioteche a cui verranno devoluti, per Apricena la consegna avviene in occasione della “Festa dei Lettori”.

Voglio ringraziare tutti quelli che si adoperano per la realizzazione delle nostre mostre, in particolare le varie Amministrazioni dei comuni ospitanti, nonché gli iscritti al nostro Circolo nato con l’intento di essere un palcoscenico virtuale dove ogni soggetto può liberamente esprimere il proprio punto vista nel campo delle arti visive, perciò, “fotografando” non è una voce, ma un coro di tante persone, che dal suo esordio è stato promotore di varie iniziative legate alla fotografia, dimostrandosi un polo attrattivo per la comunità apricenese e di quella dei paesi limitrofi. Sono stati organizzati più di 30 eventi spalmati nel tempo, attraverso i quali, i vari ospiti hanno mostrato come la fotografia sia il fine o il mezzo per rappresentare il proprio pensiero.».

Torna su
FoggiaToday è in caricamento