Il cineteatro dell’opera di Lucera aderisce all’iniziativa dell’anec #riaccendiilcinema

“Accendiamo le luci per ricordare che presto torneremo a far sognare”.Venerdì 8 maggio alle ore 21.00, in contemporanea con i David di Donatello, diretta sulla pagina facebook.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Il Cineteatro dell’Opera di Lucera aderisce all’iniziativa #RiaccendilCinema promossa dall’A.N.E.C. (Associazione Nazionale Esercenti Cinema), in programma venerdì 8 maggio alle ore 21.00 in contemporanea con la diretta su RAI 1 della 65^ edizione dei David di Donatello. Si tratta di un flash mob simultaneo, che vedrà per una sera di nuovo accese le luci delle sale cinematografiche di tutta Italia, chiuse ormai da due mesi a causa dello stato di emergenza sanitaria. In Puglia i Cinema e i Cinema Teatri si illumineranno simbolicamente in 62 comuni da nord a sud, per un totale di 249 schermi e 38 palcoscenici.

«La nostra sala non poteva non aderire a questa iniziativa simbolica, che vede uniti tutti gli operatori del settore nel cercare di individuare un percorso condiviso per riavviare, appena sarà possibile, le attività», afferma il direttore del Cineteatro dell’Opera Gianni Finizio, che per l’occasione organizzerà una diretta fb sulla pagina del Cineteatro per restituire virtualmente uno spazio di condivisione caro alla città.

#RiaccendilCinema è un segnale importante, soprattutto perché per molte strutture diventa davvero difficile guardare al futuro senza un cronoprogramma delle varie fasi dell’emergenza e senza conoscere le condizioni operative per i protocolli di sicurezza che andranno osservati. «Ci auguriamo di poter tornare presto ad operare, perché crediamo che il cinema abbia un ruolo importante nella nostra comunità, e sia capace di creare momenti di riflessione, di incontro e di crescita», dichiara Finizio. Intanto, nell’attesa dei decreti attuativi del Mibact, proseguono le interlocuzioni con le Regioni, il cui ruolo è fondamentale per garantire ai cittadini di poter tornare a fruire di questi spazi e alle imprese di guardare con ottimismo al futuro assicurando la continuità aziendale e il mantenimento dei livelli occupazionali.

«Solo il convergere di più forme di incentivi a tutti i livelli istituzionali, da parte di Governo, Regione, Comune, e che contemplino forme di sostegno diretto alle imprese, liquidità, defiscalizzazione e contributi in conto gestione per la ripartenza - che sarà difficile con capienze presumibilmente ridotte e costi maggiori per garantire la salute di pubblico e personale - si potrà assicurare la restituzione di questi luoghi all’uso collettivo», chiosa Giulio Dilonardo, presidente dell’ANEC Puglia e Basilicata.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento