Torna sul Gargano 'Grani Futuri': fornai e chef stellati all'evento nazionale del pane

Si svolgerà a San Marco in Lamis dal 16 al 18 giugno 2018. L'ideatore Antonio Cera: "Pane buono e sano della produzione artigianale italiana e che fa bene alla cultura, all'ambiente e al territorio"

Torna 'Grani Futuri', dal 16 al 18 giugno. Giunto alla sua seconda edizione, l'evento nazionale del pane - tra gli appuntamenti più importanti di Capitanata - quest'anno vedrà la partecipazione di chef stellati: Viviana Varese (Alice Ristorante, Eataly Milano, dove è stata presentata la seconda edizione di Grani futuri), Antonio Lebano (Terrazza Gallia Hotel Excelsior, Milano), Corrado Assenza (Caffè Sicilia, Noto), Luca Lacalamita (già Enoteca Pinchiorri, Firenze). Dall'estero la chef Zahie Tellez, ambasciatrice della nuova cucina messicana.

Fornai e chef da diverse regioni d'Italia a raccolta per celebrare tradizioni e cultura legate al pane, alimento simbolo della nostra alimentazione e sinonimo da sempre di condivisione e comunità, con l'obiettivo di creare rete, sinergie, confronto e crescita.  "Grani Futuri è diventato, col tempo, un movimento culturale, economico, sociale - spiegano gli organizzatori - e il cuore pulsante della manifestazione sono il pane buono, che fa bene, che non è fatto in fretta e il Manifesto Futurista del Pane: perché un pane senza miglioratori (chimici) e senza altri artifizi è possibile, ed economicamente sostenibile"

Questo il commento dell'ideatore Antonio Cera, il fornaio bocconiano: "Il pane protagonista di Grani è il pane buono e sano della produzione artigianale italiana e che fa bene alla cultura, all'ambiente e al territorio". 

Compagno di viaggio di Cera è Massimo Borrelli, giovane imprenditore che si è convertito all'agricoltura con l'obiettivo di valorizzare i prodotti del territorio con strumenti e processi innovativi in grado di conciliare produzioni di qualità, rispetto dell'ambiente e tutela e innovazione della tradizione. Tra le novità di quest'anno, l'iniziativa Made in carcere: un modo, concreto, di aiutare chi ha perso la libertà, facendolo lavorare, per questo saranno le donne detenute pugliesi a realizzare magliette e grembiuli di Grani Futuri, e l'Eco Festa: saranno utilizzati per lo street food solo piatti, posate, bicchieri e tovaglioli compostabili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Tragedia sulla A14: uomo si toglie la vita lanciandosi da un ponte

  • Coronavirus: 30 morti e un contagiato su quattro in Puglia. I nuovi positivi sono 1100 su appena 4100 tamponi

  • Qualità della Vita, Foggia sprofonda all'ultimo posto: ItaliaOggi premia Pordenone

  • Attimi di terrore in un supermercato: irrompono malviventi, durante la rapina minacciano e tentano di colpire cassiera

  • Addio al dott. Michele Urbano, la Capitanata piange la scomparsa di un professionista "serio e laborioso"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento