Eventi San Guglielmo e Pellegrino / Piazza Martiri Triestini

Foggia ricorda le vittime delle foibe: "Monito contro la violenza, l'orrore dell'olocausto istriano-giuliano"

Le Foibe siano un monito contro la violenza, l’orrore dell’Olocausto istriano e giuliano. Il sindaco di Foggia, Franco Landella, onora le vittime delle foibe in occasione del Giorno del Ricordo

Questa mattina il sindaco di Foggia, Franco Landella, assieme al prefetto Raffaele Grassi e alle altre autorità civili militari, ha onorato le vittime delle foibe nel Giorno del Ricordo, con una breve cerimonia svolta in piazza Martiri Triestini.

“Le foibe sono un autentico olocausto italiano che ha annullato e umiliato le genti di Istria, Giulia e Dalmazia e cancellato la memoria di migliaia di corpi senza volti e senza nomi sepolti vivi e in agonia. Il 10 febbraio abbiamo il dovere di ricordare l’anniversario di un’onta che la Storia scritta dai vincitori ha addossato ai vinti.

Tra il 1945 e il 1946 si sono registrate ignobili rappresaglie con la regia dei partigiani comunisti che hanno potuto perseguitare, torturare e uccidere numerose persone che avevano la sola colpa di essere italiane, all’esito di processi estemporanei e sommari sotto l’egida di Tito.

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha pianto con il suo omologo dell’ex Jusgoslavia sulle tombe dei martiri infoibati: auspico che la presidenza della Repubblica possa indicare presto un sopravvissuto di questo olocausto italiano, insignendolo della nomina da senatore a vita. 

L’on. Liliana Segre, sopravvissuta del campo di sterminio di Auschwitz, possa essere con un nuovo senatore a vita superstite delle foibe, memoria storica e spirito critico del nostro Paese”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Foggia ricorda le vittime delle foibe: "Monito contro la violenza, l'orrore dell'olocausto istriano-giuliano"

FoggiaToday è in caricamento