Tracciato l'antico sentiero che collegava la costa a Monte Sant'Angelo

Lo scorso weekend con cesoie e tronchesi, pale e picconi, pennelli e vernici hanno contribuito a rendere più percorribile e sicuro uno degli antichi percorsi che collegavano la costa a Monte Sant’Angelo

Gli attivisti del corso

Si è concluso lo scorso 25 ottobre il “Primo Corso Base sulla sentieristica: pianificazione, segnaletica, manutenzione”, organizzato a Foggia, per i soci della locale sezione CAI, dalla sede centrale del Club Alpino Italiano e dal CAI regionale Puglia.

Il corso si è sviluppato in due giorni: il modulo teorico si è tenuto il sabato e ha affrontato varie tematiche: dai principi generali di pianificazione delle reti sentieristiche agli obiettivi della segnaletica orizzontale e verticale.  “Grazie a due formatori esperti del CAI centrale - spiega il presidente foggiano, Ferdinando Lelario – abbiamo avuto un’intensa giornata formativa, il 24 ottobre. Gli esperti ci hanno illustrato le caratteristiche della segnaletica principale, il rilievo dei luoghi di posa, la manutenzione dei sentieri, vernici e materiali utili per la segnaletica orizzontale, ma anche gli strumenti informatici a disposizione”.

Progettare e realizzare una rete sentieristica – sottolineano dal CAI Foggia -  significa mettere in atto un processo di pianificazione complesso nell'ambito del quale vengono analizzati ed integrati, in funzione degli obiettivi fissati, gli aspetti fondamentali del territorio preso in esame e le prospettive del suo sviluppo dal punto di vista turistico ed escursionistico. Un processo che richiede azioni sinergiche da parte degli enti proprietari del territorio e che vede indietro, su questo fronte, la Puglia e la Sardegna, uniche regioni a non possedere una rete sentieristica.

Nella giornata di domenica, i partecipanti al corso sono passati a una prova pratica su parte del sentiero che da Macchia sale a Coppa San Pasquale. “Si tratta di un sentiero splendido, che coniuga la bellezza naturale a quella storica e archeologica, con ipogei, grotte, luoghi di culto e mulini. Gli iscritti al corso sono stati più di 30 e alla fine, al momento di salutarsi, l’entusiasmo e la gioia erano palpabili. Tutti, chi con cesoie e tronchesi, chi con pale e picconi chi con pennello e vernici hanno contribuito a rendere più percorribile e sicuro parte di uno degli antichi percorsi che collegavano la costa a Monte Sant’Angelo. Vedere il bianco e il rosso della segnaletica CAI sul Gargano è stato un momento forte per tutti”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Club Alpino Italiano – che ha in gestione 60.000 km tracciati in Italia - da anni ha istituito un Gruppo di lavoro Sentieri per lo sviluppo e la messa in sicurezza della Rete Escursionistica Italiana, uno fra tutti il Sentiero Italia, lungo oltre 4.000 km, che si snoda lungo l’arco Alpino e lungo quello Appenninico sino alla Sicilia, includendo la Sardegna. “Il valore dei sentieri del Gargano, della Foresta Umbra, del Sub Appennino, è inestimabile. Per strappare alcuni territori all’abbandono, che gradualmente stanno subendo – conclude Lelario - dobbiamo valorizzare questa rete, favorendo un ritorno alla natura, l’amore per l’ambiente che ci circonda, rilanciando un turismo diverso, lento”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento