Le 'Lezioni di immortalità' di Flaminia Cruciani alla Cremeria Letteraria

“L’archeologia è più affine alla poesia di quanto possiamo immaginare, si tratta in entrambi i casi di svelamenti, perché in un frammento si svela il mistero delle domande che ci abitano da sempre».

Flaminia Cruciani, poetessa e archeologa, ha fatto parte per diversi anni della Missione archeologica italiana a Ebla, in Siria e venerdì 26 ottobre alle 20,30 sarà ospite a Lucera di Cremeria Letteraria (Piazza Duomo n. 18) per presentare il suo ultimo libro “Lezioni di immortalità” (Mondadori).

Con Ebla «gli italiani hanno scoperto una nuova lingua, una nuova cultura e una nuova storia» ha affermato Ignace J. Gelb, uno dei maggiori assiriologi americani del Novecento. Questo libro però non è un manuale di archeologia, e non è neppure un diario di viaggio o di avventure. È il racconto sincero e appassionato della più bella lezione di immortalità che Flaminia Cruciani abbia ricevuto dalla vita: l’archeologia in quella terra millenaria che è la Siria con la sua straordinaria gente. Dalla preparazione del viaggio all’organizzazione delle attività di scavo, dal rapporto con la popolazione locale alle numerose difficoltà della vita nel deserto, grazie a un linguaggio poetico e fortemente evocativo, l’autrice ci restituisce l’emozione di un lavoro tanto affascinante.

Flaminia Cruciani, poetessa e archeologa, vive tra Roma e Firenze. Si è laureata in Archeologia e Storia dell’arte del Vicino Oriente antico, presso Sapienza Università di Roma, e ha poi conseguito il dottorato di ricerca in Archeologia orientale nella stessa università.

Per lunghi anni ha partecipato alle annuali campagne di scavo della Missione archeologica italiana a Ebla, in Siria, diretta da Paolo Matthiae. Tra le sue raccolte poetiche, le più recenti sono Piano di evacuazione

(2017) e Semiotica del male (2016). Suoi testi poetici, tradotti in diverse lingue, sono presenti in molte antologie italiane e straniere. È membro dell’Académie Européenne des Sciences, des Arts et des Lettres di Francia. Negli ultimi anni, come analogista, si dedica all’archeologia dell’anima.

A conversare con l’autrice sarà un ospite d’eccezione, lo scrittore e saggista Carlo Pasi, allievo di Giovanni Macchia, docente di letteratura francese alle Università di Roma (La Sapienza) e di Pisa. Nel campo della saggistica e della critica i suoi libri più recenti hanno riguardato principalmente le opere di Baudelaire e Artaud.

Info: 3273509326 - 3470850970

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

I più visti

  • Relax, giochi e buon cibo. Arrivano i Trawell-Weekend: due mesi di visite guidate esperienziali in Capitanata

    • dal 17 ottobre al 28 novembre 2020
    • Lucera - Cagnano Varano - Foggia - San Severo - Bovino - Candela - Stornara -
  • Il gran trekking dei siti Unesco: un weekend tra storia e natura alla scoperta della Foresta Umbra e di Monte Sant'Angelo

    • dal 31 ottobre al 1 novembre 2020
  • A San Severi è tempo di 'AperiTrawellit'

    • 7 novembre 2020
    • Cattedrale di Santa Maria Assunta
  • Degustando Bovino: tutti a Palazzo San Procopio per apprezzare le eccellenze della Capitanata

    • 8 novembre 2020
    • Villa Comunale di Bovino
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    FoggiaToday è in caricamento