A Monteleone di Puglia, torna il tradizionale falò in onore di San Giuseppe

Anche quest'anno si rinnoverà per la festa di San Giuseppe l'appuntamento con il falò. La manifestazione consiste nell'accensione di un falò nella piazza principale del paese, in ogni via e in ogni contrada per mantenere viva questa antica tradizione popolare che avviene ormai da tempi antichissimi. L'origine di questa tradizionale manifestazione non è certa: se alcuni fanno risalire l'accensione del fuoco in ricordo di San Giuseppe che patì il freddo nella grotta di Betlemme, altri danno a questo evento un significato più pagano. Le sue origini si perdono quindi nei secoli e, fino a qualche decennio fa, si scatenava una vera e propria competizione tra i rioni coinvolgendo soprattutto i giovanissimi. Questi iniziavano molti mesi prima la ricerca di rovi secchi, di ginestre, di arbusti, di fascine e di frasche derivanti dalla potatura nei boschi e trasportavano in paese con i carretti perfino interi alberi. Arrivava poi il gran giorno e tutto il rione era impegnato a realizzare il falò, più alto e più consistente possibile, in modo che il fuoco potesse sprigionare al massimo la propria forza e vincere simbolicamente la gara con gli altri rioni. E poi tutti a guardare ammutoliti le fiamme alzarsi ed ascoltare con orgoglio il crepitio degli arbusti che ardevano. Queste pire fin dai tempi antichi venivano accese in segno propiziatorio e servivano ad ingraziarsi le forze della natura, ad indicare che l'inverno con i suoi rigori e le sue miserie cedeva il passo alla primavera, quindi l'avvento della stagione dei raccolti e della rinascita della natura. La festa di San Giuseppe, per tradizione, diviene inoltre anche la festa dei falegnami che riconoscono in San Giuseppe il loro patrono. La tradizione del falò non è altro che un evento creato per permettere alla comunità di riunirsi per cantare, suonare, ma soprattutto per stare insieme e divertirsi. I presenti si radunano per mangiare salsiccia, carne e caciocavallo e bere un buon bicchiere di vino riscaldando l'anima ed il cuore di una cittadina che sente dentro il profondo bisogno di cambiamento. Il falò in Piazza Municipio è organizzato quest'anno dalla locale associazione turistica Pro Loco. Si parte alle ore 20.00 dove avverrà la spettacolare accensione della catasta di legna, a seguire le degustazioni di prodotti tipici locali. Con questi eventi tipici e con l'antico senso di ospitalità della amena comunità monteleonese l'Amministrazione comunale, guidata dal sindaco Giovanni Campese, vuole valorizzare i prodotti tipici locali e vuole promuovere il turismo gastronomico nel paese più alto della Puglia.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Manifestazioni, potrebbe interessarti

I più visti

  • Relax, giochi e buon cibo. Arrivano i Trawell-Weekend: due mesi di visite guidate esperienziali in Capitanata

    • dal 17 ottobre al 28 novembre 2020
    • Lucera - Cagnano Varano - Foggia - San Severo - Bovino - Candela - Stornara -
  • Il gran trekking dei siti Unesco: un weekend tra storia e natura alla scoperta della Foresta Umbra e di Monte Sant'Angelo

    • dal 31 ottobre al 1 novembre 2020
  • A San Severi è tempo di 'AperiTrawellit'

    • 7 novembre 2020
    • Cattedrale di Santa Maria Assunta
  • Degustando Bovino: tutti a Palazzo San Procopio per apprezzare le eccellenze della Capitanata

    • 8 novembre 2020
    • Villa Comunale di Bovino
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    FoggiaToday è in caricamento