La "Festa di Sand' Martin" chiude con Eugenio Bennato e i Tarantula Garganica

Una serata a tutta musica popolare, in piazza Carmine che, per l'occasione, si trasformerà in un grande palcoscenico naturale. Un doppio appuntamento per 'riscaldare' gli amanti dell'enogastronomia locale

Tarantula Garganica

Eugenio Bennato e i "Tarantula Garganica" chiuderanno oggi la 15^ edizione della "Festa di Sand' Martin", a San Severo. Una serata a tutta musica popolare quella in programma dalle 20,30, nel bellissimo scenario di piazza Carmine che, per l'occasione, si trasformerà in un grande palcoscenico naturale.

Un doppio appuntamento per "riscaldare" gli amanti del buon vino ed i gastronauti che, per tre giorni hanno invaso piazza Municipio e piazza della Repubblica di San Severo per degustare e comprare prodotti delle aziende della Rete "Daunia Rurale" con l'iniziativa "Dalla terra al mare". L'evento è organizzato dall'Associazione culturale intorno al vino "Daunia Enoica", in collaborazione con il Centro studi tradizioni popolari "Terra di Capitanata" e l'Associazione "Valorizziamo San Severo, con il patrocinio del Comune e con l’importante sostegno del Gal “Daunia Rurale”.

E l'appendice sarà a ritmo di "tarantella", con un raduno musicale che porterà a San Severo appassionati di questo sound anche dal Gargano e dalle province limitrofe. "Per venire incontro a queste esigenze – commentano gli organizzatori – abbiamo individuato piazza Carmine, zona facilmente raggiungibile e comunque nel cuore del centro storico che intendiamo valorizzare. E per riuscire nell'impresa abbiamo scelto Bennato e i “Tarantula Garganica” sempre più punti di riferimento di un movimento culturale che sta facendo “rete” sul territorio. Un modello che intendiamo importare per utilizzare i tanti aspetti positivi che propone".

Eugenio Bennato manca da San Severo dal 2000, quando al Teatro "Verdi" partecipò al Festival del Cabaret andato in onda su Rai Tre. Allora fu una semplice apparizione, mentre oggi tornerà nel centro dell'Alto Tavoliere per una serata musicale ricca di spunti interessanti. Noto al grande pubblico, i suoi lavori sono la sintesi musicale di un movimento che segna una frattura con il passato modo d’intendere la musica popolare in Italia

Più giovani ma già ricchi di cultura e musica popolare i "Tarantula Garganica" capeggiati da Peppe Totaro. Prendono il nome dal tipo di musica che suonano e dalla loro terra, un nome che è il simbolo delle tradizioni popolari pugliesi; un nome che evoca subito il suono e il ritmo della Tarantella, della chitarra battente e delle castagnole, cioè di una magia musicale ancora vivissima e tutta da scoprire: con i suoi cantori, i suoi danzatori, la loro musica travolgente, fonte inesauribile di canti, balli, poesie. Veri e propri ambasciatori della "tarantella garganica": diverrse le tournée in ogni angolo d'Italia e all'estero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • "Esco con gli amici" ma non fa più ritorno. Scomparso a 16 anni ma c'è chi tace per paura: "Noi non dimentichiamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento