Donato Carra, lo chef che incanta il mondo con la cucina pugliese!

Appena rientrato da Seinäjoki ( Finlandia) dove ha esportato la sua Puglia e i prodotti del suo territorio in una Master-class di cucina, non si ferma e continua il suo cammino in giro per il mondo valorizzando il suo territorio.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Donato Carra lo Chef con la valigia sempre pronta per portare la cucina del suo territorio in giro per il mondo è ormai un personaggio eclettico che usa la cucina solo come pretesto.

Riconoscibile non solo per la sua grande bravura in cucina, ma soprattutto per il suo pensiero che è anni luce avanti rispetto ai suoi colleghi, un’eccellenza mondiale in qualità di ambasciatore della cucina pugliese nel mondo. Quello che colpisce di più è la sua straordinaria sensibilità artistica e concettuale.

Il cibo rivisitato da lui diventa arte, ma soprattutto idea rivendicando la geniale creatività di chi tratta i fornelli come una tela e le forchette come pennelli, infatti in molti piatti vediamo gli ingredienti della sua Puglia valorizzati e portati a sublimazione. Appena rientrato da Seinäjoki ( Finlandia) dove ha esportato la sua Puglia e i prodotti del suo territorio in una Master-class di cucina, non si ferma e continua il suo cammino in giro per il mondo valorizzando il suo territorio. Se scorriamo le sue video-ricette sul web,sui social. oppure sul sito del pastificio Divella, azienda leader del settore in Italia dove lo chef collabora in qualità di Corporate Chef , veniamo colti da una sorta di forma di malinconia e nostalgia.

Ecco riconoscibile il suo tocco artistico ed anche mistico, concetti difficilmente accettabili però lo chef pugliese merita di essere trattato in modo particolare e con il massimo rispetto per la sua dedizione. Piatti che fanno trasparire un concetto semplice: la tradizione, il cuore della Puglia contadina, l’innovazione, il rispetto per la terra possono coesistere insieme trasfigurandosi in arte concettuale. Uno chef che sente anche le sofferenze umane e per questo cerca di mischiare due concetti che sembrano quasi antitetici: la cucina e la solidarietà. Molte sono le iniziative che si è reso protagonista accanto alla Divella , dai laboratori di cucina per bambini autistici alle merende solidali lodevole iniziativa per aiutare le famiglie più bisognose.

Torna su
FoggiaToday è in caricamento