Eventi

Il viaggiatore della Stazione è troppo solo: due cuccioli sono pronti a fargli compagnia

L’artista faetano Leonardo Scarinzi è stato chiamato in causa dalla Protezione Animali di Foggia, per realizzare una scultura rappresentante due cuccioli da affiancare al “suo” viandante

Il viaggiatore e i Volontari Protezione Animali di Foggia

Un’interessante iniziativa, a conferma del famoso detto che vuole i cani come migliori compagni dell’uomo. Non saranno però cuccioli in carne e ossa, ma sculture modellate in creta, e lavorate con gesso e resina, pronte a far compagnia al celebre viandante posizionato nei pressi della fontana antistante l’ingresso della Stazione di Foggia, e realizzato dal maestro Leonardo Scarinzi.

Proprio l’artista faetano è stato chiamato in causa dalla Protezione Animali di Foggia, per realizzare una scultura rappresentante due cuccioli da affiancare al “suo” viandante. “Quel viandante è troppo solo”, il messaggio che dà il titolo all’evento rilanciato su Facebook, che nella giornata di ieri e questa mattina, ha visto i membri dell’associazione presenziare con un gazebo dinanzi alla stazione, per promuovere l’iniziativa: una raccolta fondi necessaria per coprire le spese necessarie per la realizzazione della scultura.

“Da amanti degli animali è stato spontaneo fare questa proposta al maestro Scarinzi, che ha accettato volentieri l’idea già due mesi fa. Siamo qui per organizzare una colletta cittadina rivolta agli amanti degli animali e della cultura”, ha dichiarato Terry Marangelli della Protezione Animali di Foggia. La raccolta fondi, che durerà tre mesi, prevede altre due uscite, una a novembre e una a metà dicembre, prima della chiusura in programma il prossimo 24 dicembre. Una proposta alla città, per rafforzare il valore comunicativo della scultura, “un valore aggiunto per la città e per i foggiani che amano gli animali”, continua la Marangelli.

Le fa eco il maestro Scarinzi: “La scultura è stata pensata come mezzo di interazione con i cittadini. Ho visto tanti foggiani fermarsi ad ammirare il viandante, a scattarsi addirittura delle foto. E’ un piacere realizzare una nuova scultura, che potenzi il messaggio. E’ l’arte si pone al servizio del popolo”.

Scarinzi, che ha immortalato due cuccioli, proponendo uno schizzo che ispirerà la scultura, spiega poi come si realizzerà l’opera: “La prima fase sarà la modellazione con la creta, seguita dallo stampo in gesso. Una volta seccato il gesso, lavorerò con la resina”. I tempi poi dipendono dalla temperatura, perché la resina si lavora bene con temperature non troppo fredde (tra i 15° e i 20°). “Realizzerò prima un modellino in scala, poi attraverso la tecnica del pantografo, si realizzerà quella originale”, ha concluso il maestro, pronto a offrire alla città un nuovo regalo. Con l’auspicio che venga accolto con rispetto e riconoscenza, e non con i criminosi gesti di inciviltà.    

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il viaggiatore della Stazione è troppo solo: due cuccioli sono pronti a fargli compagnia

FoggiaToday è in caricamento