rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Eventi

Evemero Nardella, il compositore foggiano 'dimenticato', protagonista di un convegno nazionale

Il convegno sarà ospitato al conservatorio di Foggia. In programma anche una mostra e una 'prima assoluta'

A Foggia c’è una via a lui intitolata. È lunga poche centinaia di metri, è una strada parallela al più trafficato viale Giotto. La conoscono in pochi, come non sono tanti i foggiani che conoscono lui, Evemero Nardella. Colpa probabilmente del suo concittadino contemporaneo più illustre, quell’Umberto Giordano che oggi dà lustro in tutto il mondo al nome del capoluogo dauno.

Eppure anche Nardella era un compositore. Lui, però, scriveva soprattutto canzoni (su testi di alcuni dei più famosi poeti napoletani del tepo) che in breve tempo a Napoli (dove si era trasferito ancora bambino) lo resero celebre come autore delle cosiddette ‘canzoni piedigrottesche’ che presto divennero ‘alla Nardella’ per il particolare e inconfondibile tipo di melodia. Ma era conosciuto anche per la direzione di cori e orchestre e come organizzatore di spettacoli lirici.

Questo accadeva a Napoli a cavallo fra Ottocento e Novecento. Sì, perché oggi nella sua terra natia sono in pochi a conoscerlo. E per questo il Conservatorio di musica Umberto Giordano ha deciso di dedicare proprio a lui un progetto di ricerca musicologica i cui risultati verranno resi pubblici i prossimi 19 maggio alle 14.30 e 20 maggio alle 9.00 con un convegno di respiro nazionale ospitato nell’auditorium e che vedrà la partecipazione di relatori provenienti da diversi conservatori e atenei italiani.

‘Evemero Nardella. Dalla canzone napoletana d’autore all’operetta italiana di primo Novecento’ è il titolo di una due giorni che spazierà dalla storia della canzone napoletana d’autore fino a quella dell’operetta italiana con un focus su ‘L’isola azzurra’, operetta in tre atti inedita su parole di Rocco Galdieri, che Nardella compose tra il 1913 e il 1914 e il cui manoscritto è conservato nella biblioteca del conservatorio foggiano.

Nel corso degli ultimi anni – spiega il maestro Agostino Ruscillo, ideatore e coordinatore del progetto – il Conservatorio Umberto Giordano ha promosso una serie di importanti progetti di ricerca musicologica che hanno stimolato principalmente gli studi sulla figura di Umberto Giordano. Restava ancora da indagare il milieu cittadino e provinciale, specialmente della fin de siècle. E a tal proposito su una idea progettuale, avallata poi dal Dipartimento della Ricerca, si è puntato alla valorizzazione del musicista Evemero Nardella, un compositore che seppe rivestire di eleganza aristocratica la canzone napoletana e che creò un tipo particolare di melodia, ancora oggi detta ‘alla Nardella’. Di Nardella, inoltre, la Biblioteca del Conservatorio Giordano conserva un manoscritto inedito che riveste un’importanza straordinaria, ‘L’isola Azzurra’, operetta in 3 atti che dopo un importante lavoro di trascrizione, edizione e orchestrazione sarà allestita in prima assoluta alla fine di ottobre”.

Un piccolo assaggio di questa operetta e i più celebri brani di Nardella saranno i protagonisti di un concerto degli allievi delle classi di canto lirico delle professoresse Maria Gabriella Cianci, Maria Paola De Luca, Angela Bonfitto e Rosa Ricciotti al termine della sessione di venerdì. Ma non è tutto. Sempre venerdì in Conservatorio verrà inaugurata una mostra di manoscritti autografi.

A partire da venerdì e fino al 31 maggio – tiene a precisare Lilly Carfagno, curatrice della mostra – ci sarà anche una mostra che darà la possibilità di ammirare quanto custodito nella biblioteca del Conservatorio. Possediamo, infatti, il suo fondo privato donato dagli eredi intorno ai primi anni ’50. Un fondo che oltre a ‘L’Isola azzurra’ comprende una ninna nanna dedicata al principe di Napoli, canzoni che Nardella ha firmato a quattro mani con importanti poeti del tempo come Rocco Galdieri ed Ernesto Murolo. Un’occasione imperdibile. Per questo invitiamo tutta la cittadinanza a venire in conservatorio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Evemero Nardella, il compositore foggiano 'dimenticato', protagonista di un convegno nazionale

FoggiaToday è in caricamento