Eventi

Foggia nel tour di Fiorella Mannoia: il concertone di Ferragosto nel comune commissariato è appeso a una determina

Non è mai stata approvata la delibera di Giunta relativa all'evento della Festa Patronale, né tantomeno l'atto di indirizzo per il cartellone estivo. Lo stesso vale per il Concerto della Pace: era prevista l'esibizione di Gianna Nannini

La tappa del 15 agosto a Foggia è inserita nel calendario delle prime date estive confermate del 'Padroni di niente tour' di Fiorella Mannoia.

I concerti live sono stati annunciati il 20 maggio sul canale ufficiale della 'cantante-parlante', come si definisce lei. Dopo la pausa forzata per la pandemia, torna a calcare "i palchi delle principali venue all'aperto di tutta Italia dove, accompagnata dalla sua band, interpreterà live i brani del suo ultimo album di inediti 'Padroni di niente' e le canzoni più amate del suo repertorio", si legge tra le news del suo sito.

La data è stata pubblicata anche nei portali delle società che operano nel settore di ticketing collegate ai suoi eventi.

Avrebbe dovuto esibirsi già a Ferragosto del 2020, come pattuito mesi prima, e ratificato in una determinazione dirigenziale del 27 febbraio 2020, a firma del dirigente Carlo Dicesare, che impegnava la somma di 57.200 euro per il cachet e gli oneri Enpals e la imputava su un capitolo del bilancio dello stesso anno.

In quella determina si parlava di un artista di particolare fama, declinato anche al maschile per mantenere il massimo riserbo sul big della Festa Patronale. Con quello stesso documento, si dava atto che il dirigente del Servizio Cultura avrebbe provveduto a "tutti i consequenziali adempimenti gestionali ed atti di liquidazione".

Fiorella Mannoia, fino all'ultimo, ha bloccato la data, nella speranza che la pandemia potesse allentare la presa, a riprova, se mai ce ne fosse stato bisogno, del desiderio di ripartire che ha esternato pubblicamente in più occasioni. Ha mantenuto l'impegno con il Comune di Foggia nei mesi del lockdown musicale e ha riservato il primo Ferragosto utile al capoluogo dauno, tenendo fede agli accordi.

Quando il sindaco Franco Landella ha rassegnato le dimissioni, l'assessore alla Cultura Anna Paola Giuliani ha manifestato l'intenzione di portare in Giunta le delibere del Foggia Estate, comprese quella di Ferragosto e del Concerto della Pace del 22 luglio con Gianna Nannini, altro nome roboante, ma soprattutto l'atto di indirizzo relativo all'intero cartellone, per assicurare gli spettacoli alla città.

Convocata la giunta, sono state inviate le delibere alla segreteria generale, ma il giorno successivo il segretario Gianluigi Caso è stato costretto a restituirle al Servizio Cultura: non erano da considerarsi ordinaria amministrazione, ma straordinaria amministrazione. Non c'è stato niente da fare.

La delibera non è mai arrivata in Giunta. C'è solo una determina dirigenziale del 2020, che impegna le somme, un contratto firmato che andrebbe onorato, in quanto già programmato per l'anno scorso e congelato da un'emergenza sanitaria.

Considerata l'eccezionalità delle circostanze, potrebbe bastare la determina. Sarà materia di valutazione del commissario prefettizio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Foggia nel tour di Fiorella Mannoia: il concertone di Ferragosto nel comune commissariato è appeso a una determina

FoggiaToday è in caricamento