A Manfredonia arrivano gli Stadio, concerto clou della Festa Patronale

Saranno gli Stadio gli ospiti d'onore della Festa patronale di Manfredonia. Alle loro spalle hanno una lunga e progressiva genesi come band di accompagnamento proprio di Lucio Dalla già a partire dalla metà degli anni settanta

Gli Stadio

Come in un fil rouge che ripercorre le tappe della carriera del nostro concittadino Lucio Dalla giunge a Manfredonia, per il giorno clou della Festa Patronale, un gruppo che ha fatto la storia della musica italiana, gli Stadio.

Dopo l’amico storico Ron che ha cantato per lui in Piazza Giovanni XXIII e il giovane Pierdavide Carone, ospite di “Una Voce per il Sud” e che è stato l’ultimo con cui Lucio ha duettato all’ultimo festival di Sanremo, gli Stadio sono il gruppo per cui Dalla è stato un vero e proprio pigmalione. Per ben 15 anni, infatti, le carriere sono andate di pari passo, fino al primo album senza Lucio nel 1990.

“Abbiamo cercato a lungo l’artista clou della Festa – dichiara il Presidente del Comitato Festa Patronale, Francesco Schiavone – sia tra coloro che non sono mai stati a Manfredonia e sia tra chi potesse avere un legame con Lucio, che stiamo sentendo vicino più che mai quest’anno, e la band ha assicurato che terrà durante il suo concerto in piazza un tributo proprio per Lucio!”.

Gli Stadio hanno una lunga e progressiva genesi come band di accompagnamento proprio di Lucio Dalla già a partire dalla metà degli anni settanta: il primo album del cantautore bolognese in cui compare la maggior parte del parco-strumentisti che darà origine agli Stadio è “Anidride Solforosa”, del 1975. I futuri Stadio presenti in questo album sono Giovanni Pezzoli alla batteria, Marco Nanni al basso e Fabio Liberatori alle tastiere. Nel 1979 si aggiunge il chitarrista Ricky Portera. Alla vigilia del tour “Banana Republic”, con Lucio Dalla e Francesco De Gregori, si aggiunge il tastierista e corista Gaetano Curreri, futuro cantante della band. Negli anni si sostituiranno Roberto Drovandi al basso e Andrea Fornili alla chitarra che, insieme agli storici Curreri e Pezzoli, sono gli attuali componenti del gruppo.

La fondazione ufficiale del gruppo risale alla primavera del 1981
: nel corso della tournée estiva di Lucio Dalla, gli Stadio propongono le loro prime due canzoni, “Grande figlio di puttana” e “Chi te l'ha detto”, rispettivamente lato B e lato A del loro primo singolo a 45 giri, che esce alla fine dell'anno. Le due canzoni fanno parte della colonna sonora del film Borotalco di Carlo Verdone.

La loro grandiosa carriera li porta ad essere tutt’oggi un gruppo di riferimento della musica italiana: ben 20 gli album pubblicati in oltre 30 anni di carriera, passando per brani celebri come “Chiedi chi erano i Beatles”, “Ballando al buio”, Sorprendimi”, “Acqua e sapone”, “Diamanti e caramelle”, “Ti mando un bacio” e tante altre, fino ad arrivare all’ultimo singolo, al top delle classifiche negli ultimi mesi, “La promessa” cantato con la giovane Noemi.


 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento