Musica Civica conclude la V edizione al Teatro Garibaldi di Lucera

Ultimo appuntamento per la V edizione di Musica Civica: il 30 marzo al Teatro Garibaldi di Lucera alle ore 11.00 la rassegna proporrà un spettacolo esclusivo.

Secondo la consueta formula, Musica Civica ospiterà la conversazione con il noto giornalista investigativo, inviato del quotidiano La Repubblica, Carlo Bonini. Collega di lavoro di Giuseppe D’Avanzo, col quale ha condiviso scoop importanti e una carriera talentuosa e controversa, Bonini è anche scrittore molto apprezzato. Tanti i suoi saggi, da "La toga rossa" che vince il premio Rea per la saggistica alla biografia di Renato Vallanzasca, che ispira il film di Michele Placido, da "Viaggio nella prigione del terrore", saggio sulla prigione statunitense di Guantanamo a Suburra, romanzo verità sull’abisso criminale della Roma dei nostri giorni.

Proprio a quest’ultimo libro si ispira la conversazione che Bonini propone a Musica Civica “La Suburra italiana”, che sarà un racconto schietto e un’analisi intelligente del nostro Paese, dei suoi meccanismi politici ed economici, delle sue potenzialità e delle sue più profonde problematicità. Accanto al giornalista sul palco dei teatri di Capitanata ci sarà l’attore pluripremiato di origine lucerina Fabrizio Gifuni.

Globo d’oro della stampa estera nel 2002, Premio De Sica, nastro d’argento per "La Meglio Gioventù", premio come miglior attore al Festival di Montecarlo, quattro volte nomination ai David di Donatello, premio Gian Maria Volontè nel 2012, Gifuni è uno degli attori giovani più apprezzati e leggerà per Musica Civica passi del romanzo di Bonini interagendo col giornalista nella conversazione.

Seconda tappa dello spettacolo il concerto che proporrà l’ascolto di una delle pagine più suggestive del repertorio mozartiano, l’ultima opera di Wofgang, la più discussa, l’opera sulla quale si sono costruite leggende, accavallate ipotesi, raccontate favole: il Requiem K 626 per soli, coro e orchestra, incompiuto a causa della morte di Mozart avvenuta il 5 dicembre del 1791.

A dirigere la grande pagina mozartiana sarà l’affermato direttore Miran Vaupotich, che guiderà l’Orchestra Sinfonica Musica Civica, il coro “Haendel” di Manfredonia e il coro “Voci insieme” di Monte Sant’Angelo, rispettivamente diretti da Rosangela Triggiani e Antonio Falcone, e i solisti: i soprani Ida Fratta e Libera Granatiero, il mezzosoprano Concetta D’Alessandro, il tenore Leonardo Gramegna, il basso Graziano De Pace. Il capolavoro sinfonico vedrà sul palco circa ottanta artisti.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

I più visti

  • Relax, giochi e buon cibo. Arrivano i Trawell-Weekend: due mesi di visite guidate esperienziali in Capitanata

    • dal 17 ottobre al 28 novembre 2020
    • Lucera - Cagnano Varano - Foggia - San Severo - Bovino - Candela - Stornara -
  • Il gran trekking dei siti Unesco: un weekend tra storia e natura alla scoperta della Foresta Umbra e di Monte Sant'Angelo

    • dal 31 ottobre al 1 novembre 2020
  • Sviluppo turistico in Capitanata e i suoi borghi: un corso organizzato dai Lions club Monti Dauni meridionali

    • dal 6 novembre al 11 dicembre 2020
    • Online
  • A San Severi è tempo di 'AperiTrawellit'

    • 7 novembre 2020
    • Cattedrale di Santa Maria Assunta
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    FoggiaToday è in caricamento