rotate-mobile
Lunedì, 4 Luglio 2022
Eventi Centro - Cattedrale

Colpevole di pensare, la riforma democratica della polizia di stato attraverso il racconto di Ennio Di Francesco

Nei video podcast la lettura, eseguita dall’attore Pino Casolaro, viene ripresa dalle telecamere per comporre, insieme ad immagini di repertorio, sei consecutivi capitoli che raccontano le prime riunioni clandestine dei poliziotti carbonari nel 1969 e la loro successiva organizzazione nel movimento nel 1974, fino all’approvazione della legge di riforma della Polizia di Stato nel 1981

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Realizzate a Foggia nell’Officina teatrale, quindi a Pescara, si sono concluse le riprese di Colpevole di pensare, storia della riforma democratica che portò alla nascita del sindacato dei poliziotti in Italia. Sei video podcast brevi per raccontare le battaglie dei “poliziotti carbonari” che, tra continui ostacoli e minacce di repressione da parte dei superiori, diedero vita al Siulp, il sindacato nazionale dei lavoratori della polizia.

Il progetto nasce dalla collaborazione dell’Officina teatrale Teatro dell’accorgersi con la casa di produzione cinematografica Cogito Film impegnata con il filmmaker Agostino Di Cio nelle riprese e nella postproduzione. Gli avvenimenti raccontati sono tratti dalle pagine del libro 'Un commissario' scritto da Ennio Di Francesco, un sorprendente spaccato dell’Italia dal Sessantotto al G8 di Genova, vincitore nel 1991 del premio selezione Bancarella e apparso in quattro diverse edizioni: Marietti con testimonianza di Norberto Bobbio, poi Bur – Rizzoli, Sandro Teti con testimonianza di Gino Giugni, Castelvecchi.

Nei video podcast la lettura, eseguita dall’attore Pino Casolaro, viene ripresa dalle telecamere per comporre, insieme ad immagini di repertorio, sei consecutivi capitoli che raccontano le prime riunioni clandestine dei poliziotti carbonari nel 1969 e la loro successiva organizzazione nel movimento nel 1974, fino all’approvazione della legge di riforma della Polizia di Stato nel 1981. Nei video lo stesso Di Francesco interviene ripercorrendo la sua vicenda umana e professionale legata a quegli avvenimenti di cui fu protagonista per poi, nell’ultimo video, tracciare una serie di considerazioni su quanto resta di quella importante e dimenticata spinta alla democratizzazione che avrebbe portato operai e poliziotti a confrontarsi insieme sulla crescita e sulla tenuta democratica del nostro Paese.

Per quel suo impegno di risoluto “poliziotto carbonaro”, nel 2014 il commissario Ennio Di Francesco è stato congedato d’ufficio dalla gerarchia del ministero dell’Interno. Del suo libro scriverà :” … sono testimonianze per far conoscere ai giovani che non sanno, e agli adulti che dimenticano, che i diritti di cui tutti fruiscono vengono dal sacrificio di coloro che hanno sofferto, diversi dando la vita, per la sicurezza, la giustizia e la democrazia di un’Italia che fu a rischio di golpe e di eversione.”

Al termine della postproduzione con il montaggio finale, in corso di realizzazione, i video saranno distribuiti in circuiti web e televisivi oltre che, presente l’autore, in sale cine-teatro d'essai, scuole e università, circoli culturali e di impegno sociale, librerie, musei e biblioteche. Per dare testimonianza e memoria dell’impegno di tanti per garantire nel nostro Paese la partecipazione democratica e la libertà collettiva.

Ennio Di Francesco – ufficiale dei Carabinieri e commissario della Polizia di Stato, è stato funzionario del ,inistero deli Affari Esteri e della presidenza del Consiglio dei Ministri. E’ autore di 'Un commissario', Frammenti di utopia, Radicalmentesbirro, Il vate e lo sbirro, Il ritorno del piccolo Principe, Un commissario con il futuro alle spalle Agostino di Cio – Filmmaker e regista cinematografico, socio della Cogito Film; di prossima uscita il cortometraggio Jigen, della saga di Arsenio Lupin, prodotto in collaborazione con la Incas Film di Roma Pino Casolaro - Attore e regista, spettacoli per il Festival of Creative Poets di Amman in Giordania, Festival del Mondo Antico di Rimini, Teatro Nazionale di Serbia, Festival Mediterraneo; regista di spettacoli inseriti nel cartellone della Settimana Europea della Cultura; attore per il cinema e per la RAI, Mediaset e Sky; coordinatore dell’Officina teatrale Teatro dell’accorgersi

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colpevole di pensare, la riforma democratica della polizia di stato attraverso il racconto di Ennio Di Francesco

FoggiaToday è in caricamento