Capra garganica, vacca e caciocavallo podolici: ecco i consorzi di tutela

Se ne parla a San Marco in Lamis giovedì 21 aprile. Promoter del progetto è Tommaso Martino

Il progetto prevede la costituzione delle filiere di produzione, commercializzazione e valorizzazione della carne di Vacca Podolica, del Caciocavallo Podolico del Gargano e della Capra Garganica. L’obiettivo del progetto è la ristrutturazione e la messa a norma delle aziende zootecniche aderenti ai Consorzi grazie all’aiuto dei PSR 2014-2020 della Regione Puglia.

Le ristrutturazioni delle aziende Agri-zootecniche consisteranno nella istallazione di impianti per produzione di energia elettrica con fonti rinnovabili, il rifacimento dei fabbricati e/o nuovi locali da adibire a laboratori di caseificazione autorizzati, sale mungitura, stalle, fienili e cisterne per l’approvvigionamento idrico con lo scopo di abbeveraggio degli animali, rispettando quello che l’habitat del territorio del Parco Nazionale del Gargano e privilegiando materiali lignei e pietre locali.

Le Aziende inoltre perseguiranno un percorso di reinserimento delle razze di Vacca Podolica e Capra Garganica, razze autoctone minacciate di abbandono. Le Aziende zootecniche del Gargano aderiranno al consorzio sotto forma associatile o consortile consegnando allo stesso sia gli animali da macello che i formaggi, garantendo così un incremento e certezza reddituale dell’azienda. I Consorzi invece avranno strutture indipendenti dove stabulare gli animali, con finissaggio negli ultimi mesi, macellarli e commercializzarli con marchio di qualità 5R razze pregiate italiane.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Caciocavallo Podolico del Gargano invece sarà stagionato in appositi locali per commercializzarlo secondo vari mesi di stagionatura e Tutelato con marchio di qualità del Consorzio e come Prodotto Agroalimentare Tradizionale. L’intento è quello di creare una filiera chiusa cercando di commercializzare tali prodotti come Biologici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus: sfondata quota 350 contagiati in un giorno in Puglia. I nuovi positivi in Capitanata sono 89

  • Coronavirus: 75 casi in provincia di Foggia, in Puglia sono 301 e tre morti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento